Pescatori e rivenditori, due corsi di formazione su tracciabilità e igiene

Il progetto si chiama “Pescamica”. Il suo scopo: fornire formazione sempre più approfondita per pescatori e titolari di pescherie, con l’ottica ovviamente rivolta al consumatore finale. Partecipanio le riserve naturali del Salento, l'Area marina prottetta di Porto Cesareo e Torre Guaceto

PORTO CESAREO – Il progetto si chiama “Pescamica”. Il suo scopo: fornire formazione sempre più approfondita per pescatori e titolari di pescherie, con l’ottica ovviamente rivolta al consumatore finale. La legislazione cambia di continuo e si approfondisce, e quando si tratta d’igiene e salute, specie in rapporto alla vendita di prodotti alimentari, è fondamentale aggiornarsi, puntando a una qualità crescente e alla sicurezza del prodotto.     

L’attività formativa rientra in una serie di iniziative dell’Area marina protetta Porto Cesareo, ente guidato dal presidente del Consorzio, Remì Calasso, e dal direttore Paolo D’Ambrosio. Due gli appuntamenti previsti, il 24 e il 26 febbraio, dalle 16,30 alle 19,30, presso il nuovo auditorium “Negro” dell’istituto comprensivo locale. Le due giornate di attività formativa, come detto, rientrano nel progetto comunitario “Pescamica”, finanziato con i fondi Fep 2007 2013. L’Amp di Porto Cesareo è il capofila del progetto, al quale partecipano anche la “Riserva di Torre Guaceto” (Brindisi) ed il Comisma (Consorzio nazionale interuniversitario per le scienza del mare).

Nello specifico, i destinatari dei seminari di formazione sono le cooperative di pesca delle riserve marine statali del Salento, quindi le già citate Porto Cesareo e Torre Guaceto. I corsi saranno tenuti dal comandante Antonio Trisolini dell’ufficio locale marittimo Torre Cesarea (dipendente dalla capitaneria di porto di Gallipoli) e dagli specialisti Maurizio Vetrugno e Pierluigi Caricato del servizio veterinario dell’Asl di Lecce (unità operativa di Copertino).

Due gli argomenti specifici, uno rivolto ai pescatori che avrà come oggetto l’etichettatura e la tracciabilità dei prodotti ittici alla luce del regolamento comunitario 1379/2013, gli aspetti igienico-sanitari della conservazione a bordo del pescato e della vendita diretta del pescato; l’altro, rivolto ai titolari di pescherie, verterà sempre sull’etichettatura e la tracciabilità e sugli aspetti igienico-sanitari della conservazione e vendita dei prodotti ittici (in relazione, ovviamente, alle loro specifiche attività).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Convinti dell’importanza di questa attività di rete per la creazione di nuove sinergie tra riserve marine e gli operatori della pesca si sono detti il presidente dell’Amp di Porto Cesareo, Remì Calasso, e il vicepresidente della riserva di Torre Guaceto, Cosimo La Guercia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento