Premio Barocco, le anticipazioni: premi a Conte, Minà e Pier Luigi Celli

La 46° edizione del Premio Barocco entra nel vivo. Ieri il successo riscosso dall’appuntamento canoro Premio Barocco Giovani, giunto alla seconda edizione, che ha visto sul podio la voce di Annamaria Raho, con Sabrina Di Bella aggiudicatrice dell’etichetta discografica Arca del Blues Records

GALLIPOLI - La 46° edizione del Premio Barocco entra nel vivo. dopo il successo riscosso dall’appuntamento canoro Premio Barocco Giovani, giunto alla seconda edizione, che ha visto sul podio la voce di Annamaria Raho, con Sabrina Di Bella vincitrice dell’etichetta discografica Arca del Blues Records, arrivano le prime anticipazioni sulla serata clou del prossimo 6 giugno. 

Fra i premiati di quest’anno dal patron Fernando Cartenì, l’ex calciatore leccese della Juventus Antonio Conte, già sulla panchina dei bianconeri e ora della nazionale italiana. A lui andrà il Premio Barocco per lo Sport.

Grintoso centrocampista, si forma nel settore giovanile del Lecce ma la sua carriera da calciatore professionista è legata alla Juventus, squadra nella quale gioca per 13 anni, tra gli anni ’90 e 2000, fino a diventarne capitano. Con la maglia bianconera vince cinque campionati di serie A e tutte le competizioni Uefa. Nell’estate 2011 diventa allenatore della Juventus e per tre stagioni consecutive vince il campionato; dal 19 agosto 2014 è il commissario tecnico della nazionale. 

Il Premio Barocco per l’Impresa andrà a Pier Luigi Celli, imprenditore, dirigente d'azienda, saggista e scrittore italiano. Responsabile della gestione, organizzazione e formazione delle risorse umane in grandi gruppi, quali Eni, Rai, Omnitel, Olivetti ed Enel. La padronanza del ruolo la manifesta nella gestione della direzione corporate identity di Unicredito Italiano: tra il 2002 e il 2005 ne coordina il brand, gestisce le relazioni esterne, quelle istituzionali, le relazioni con la stampa, il rapporto con il territorio, il bilancio sociale e ambientale, la Fondazione Unidea (Fondazione del Gruppo Unicredit).  

Tra il 2005 e il 2013 siede sulla poltrona di direttore generale dell'università Luiss Guido Carli di Roma; dal 2012 al 2014 ricopre la carica di presidente dell’Enit. Attualmente è senior advisor del presidente di Unipol Gruppo Finanziario, membro del Consiglio d’amministrazione di Aeroporti di Roma, La Perla e Illy, dove fa parte anche del Comitato esecutivo.

Di lui si ricordano anche gli scritti: L'impresa vista dai perdenti, Il manager avveduto, L’illusione manageriale, Passioni fuori corso, Breviario di cinismo ben temperato, Nascita e morte di un'impresa in 42 lettere, Impresa e classi dirigenti, Un anno nella vita, Le virtù deboli, Altri esercizi di pentimento, Comandare è fottere e Coraggio, Don Abbondio. 

Per il Giornalismo, invece, Premio Barocco a Gianni Minà, giornalista e scrittore. Inizia la carriera nel 1959 a Tuttosport, di cui diviene direttore nel 1996. Al 1960 risale il suo ingresso in Rai, come collaboratore dei servizi sportivi per le Olimpiadi di Roma; per Mamma Rai segue otto mondiali di calcio e sette Olimpiadi, oltre a decine di campionati mondiali di pugilato, fra cui quelli dell'epoca di Muhammad Ali.

Nel 1987 si cimenta in un’opera straordinaria, per la prima volta intervista il presidente cubano Fidel Castro, un faccia a faccia durato ben 16 ore: il documentario diventerà un libro pubblicato in tutto il mondo. Da quello stesso incontro è stato tratto “Fidel racconta il Che”, un reportage nel quale il leader cubano per la prima e unica volta racconta l'epopea di Ernesto Guevara. 

Nel 2001 Minà dà vita a “Maradona: non sarò mai un uomo comune”, un reportage/confessione di 70 minuti con Il Pibe de Oro alla fine dell'anno più sofferto per la vita dell'ex calciatore. La storia del campione argentino che ha dato sognare Napoli, raccontata in dieci dvd, prodotta nel 2007 da Gme Produzioni Srl, Rai Trade e la Gazzetta dello Sport, vende un milione e 200mila copie. Record di vendite negli ultimi dieci anni.

Attualmente il giornalista dirige una sua creatura, la rivista letteraria “Latinoamerica e tutti i sud del mondo”, un trimestrale di geopolitica dove scrivono gli intellettuali più prestigiosi del continente americano. Sua è la firma di “Il mio Ali”, dedicato al leggendario Cassius Clay-Muhammad Ali; edito da Rizzoli, raccoglie gli articoli scritti da Gianni Minà dal 1971 a oggi, con la prefazione di una penna d’eccezione, quella della cantante Mina, grande appassionata ed esperta di pugilato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il libro “Il mio Ali” sarà presentato nella serata del 5 giugno alle 19.30, al Teatro Garibaldi di Gallipoli, alla presenza dell’autore, del collega giornalista Attilio Romita e di tutti gli appassionati che vorranno saperne di più di questo mito così discusso ma anche così amato. Prossimo appuntamento, il Premio Barocco Film Festival, il 23 e 24 maggio, al Teatro Garibaldi di Gallipoli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento