Sabato, 12 Giugno 2021
Eventi

Premio “Donne del Mediterraneo” all’associazione “Machsom Watch”

A Palmariggi, la consegna del riconoscimento, istituito dal comune e dall’istituto delle culture mediterranee provinciale, all’associazione israeliana, che denuncia dal 2001 le violazioni dei diritti umani e civili compiute dalle forze dell’ordine sui palestinesi

PALMARIGGI - Nei giorni 8, 9 e 10 dicembre, si svolgerà a Palmariggi la prima edizione del premio “Donne del Mediterraneo”. Il riconoscimento, istituito dall’Istituto di culture mediterranee della Provincia di Lecce e dal Comune di Palmariggi, può essere assegnato a individui o a gruppi e s’ispira ai principi di cooperazione internazionale e pace tra i popoli, con l’intenzione di valorizzare particolarmente il contributo delle donne dell’area mediterranea alla costruzione di spazi comuni di dialogo e coesistenza tra popoli, culture e religioni, alla risoluzione dei conflitti in atto, alla promozione dei diritti umani e dell’empowerment femminile, all’integrazione economica e allo sviluppo partecipati e sostenibili.

Il comitato organizzatore del premio decide ad ogni sua edizione, volta per volta, un “sottotitolo” che è alla base della scelta di attribuzione del premio stesso. Il tema prescelto per il 2011 è “donne che vivono in zone di guerra e operano per la pace” Per decisione unanime del comitato organizzatore, composto dal consiglio di amministrazione dell’istituto di culture mediterranee e dal sindaco di Palmariggi in rappresentanza dell’amministrazione comunale, in questa prima edizione, il premio viene conferito all’associazione di donne israeliane “Machsom Watch”, che opera nella zona di Gerusalemme  e lungo il confine fra Israele ed i Territori Palestinesi. 

“Machsom Watch” è un’associazione nata nel 2001 con lo scopo di monitorare i blocchi stradali e posti di blocco militari israeliani disseminati a centinaia lungo il confine con la Cisgiordania e nella zona di Gerusalemme, per denunciare le violazioni dei diritti umani e civili compiute da parte dell’esercito e della polizia d’Israele ai danni dei palestinesi ( machsom equivale infatti a check point in lingua ebraica).

Armate di coraggio, le donne di Machsom Watch quotidianamente si recano in prossimità dei posti di blocco lungo le linee di confine, a ridosso del muro di separazione, presso i famigerati tornelli presidiati dai soldati dell’Idf e osservano quel che succede: quando vedono cittadini palestinesi costretti a lunghe e ingiustificate attese, quando sono testimoni di comportamenti aggressivi, controlli degradanti e soprusi di qualsiasi tipo da parte dei soldati di turno, si interpongono con efficacia e con fermezza. Poi rendono pubblici i loro rapporti sulle ingiustizie e gli abusi di cui sono state testimoni.

Locandina-38-5Le donne di Machsom Watch sono presenti anche nei tribunali per verificare se vengono rispettati i diritti dei detenuti palestinesi. Tutte le informazioni che raccolgono vengono pubblicate sul sito www.machsomwatch.org e inviate a funzionari pubblici, rappresentanti politici e ai mass media. L’associazione Machsom Watch è aperta alle donne israeliane di qualunque età, professione, classe sociale, tendenza politica, accomunate dall’impegno per i diritti umani e la lotta contro l’occupazione militare dei Territori Palestinesi.

Grazie alla loro perseveranza e nonostante gli ostacoli (la loro azione non sempre è compresa e spesso sono fatte oggetto di insulti e minacce) nel corso degli anni la presenza di Machsom Watch è andata crescendo di pari passo con l’importanza della sua azione: oltre a scoraggiare gli abusi, le donne di Machsom Watch raccolgono preziosissime informazioni anche per altre organizzazioni israeliane che operano in difesa dei diritti umani e civili.

Verranno da Tel Aviv a ritirare il premio Daniela Yoel e Nava Elyashar. Per la consegna, il Comune di Palmariggi organizza tre momenti di informazione e intrattenimento con l’obiettivo di sensibilizzare ai temi della solidarietà e della cooperazione internazionale i propri cittadini e tutti coloro che vorranno partecipare: giovedì 8 dicembre, alle 19, il paese in festa accoglie le amiche di Machsom Watch; seguirà l’accensione dell’albero della solidarietà e della pace, musica e sapori del Salento.

Venerdì 9 dicembre, alle 19, seduta aperta del consiglio comunale e consegna del premio “Donne del Mediterraneo 2011”. Alle 20.30, il gruppo teatrale di sperimentazione Itaca min fars hus presenta “Contro Ulisse – maschere tragiche al femminile”. Sabato 10 dicembre, alle 10, un incontro con gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado di Palmariggi. In serata, infine, Daniela Yoel e Nava Elyashar saranno ospiti della Casa delle donne di Lecce, che organizza un incontro pubblico presso la libreria Ergot in Piazzetta Falconieri.

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio “Donne del Mediterraneo” all’associazione “Machsom Watch”

LeccePrima è in caricamento