Giovedì, 13 Maggio 2021
Eventi

Premio pubblicitario Mediastars, tra i giurati anche il leccese Francesco Mazzo

CEO dell’agenzia di comunicazione Bamakò e delegato Unicom, Francesco Mazzo farà da giurato durante il 20° Premio Tecnico della Pubblicità Mediastars a Milano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Prenderà il via martedì 24 novembre la ventesima edizione del Premio Tecnico della Pubblicità Mediastars, uno dei più autorevoli riconoscimenti a livello nazionale per la realizzazione di campagne di Advertising, Corporate Promotions e Comunicazione Multimediale. Un evento che, come ogni anno, si svolge a Milano (stavolta presso la Fondazione San Fedele) e che si sviluppa in poco più di una settimana. Ma la novità di questa edizione 2015 sarà la presenza delle competenze di settore made in Salento: a fare da giurato, in ben quattro ambiti, sarà Francesco Mazzo, CEO dell’agenzia pubblicitaria Bamakò e delegato Unicom (Unione Nazionale Imprese di Comunicazione).

“Per ogni sezione del premio Mediastars verrà formata una giuria indipendente, costituita da tecnici professionisti di ogni specifica area di specializzazione e da esperti di marketing e comunicazione di primarie aziende, invitati dalla segreteria del premio o designati dalle associazioni patrocinanti”, recita il bando ufficiale del concorso.  

Sono quattro le macro aree tematiche in cui il Premio si sviluppa, a loro volta suddivise in sezioni e categorie, ossia area press & poster,
 area audio & video,
 area corporate, packaging & promotions,
 area internet & multimedia.
E sono ben quattro le sezioni alle quali anche il Tacco d’Italia potrà fornire il suo contributo attraverso il voto di Francesco Mazzo: sezione televisione e cinema (che si svolgerà il 24 novembre), sezione tecnica audiovisiva (24 novembre), sezione advertising online (26 novembre) e infine sezione internet (3 dicembre).

«Considerando tutte le sfaccettature e le modalità in cui la pubblicità di oggi viene declinata, l’invito a far parte della giuria nell’ambito di un Premio nazionale prestigioso come Mediastars ci giunge più che gradito, ma ci rendiamo anche conto che si tratta davvero di una bella responsabilità, oltre che di una sfida. – commenta il Ceo di Bamakò - Tutti gli strumenti

tecnologici che i pubblicitari oggi hanno a disposizione hanno reso questo lavoro sempre più complesso ma al tempo stesso sempre più creativo, alla ricerca di quella novità che a volte, paradossalmente, non si trova in baroccheggianti sofisticazioni ed effetti scenici ma nella bellezza della semplicità. Ringraziamo allora gli organizzatori di Mediastars, che ogni anno compongono le loro giurie facendo leva sulla professionalità e sull’alta qualificazione tecnica. Il fatto che mi abbiano reso partecipe di questa nuova esperienza mi riempie di soddisfazione, e spero di assolvere a questo compito nel migliore dei modi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio pubblicitario Mediastars, tra i giurati anche il leccese Francesco Mazzo

LeccePrima è in caricamento