Domenica, 13 Giugno 2021
Eventi

Una giornalista narra di vite ordinarie di donne salentine: 11 racconti al gusto di “caffè”

Un libro quasi tascabile, edito da Edizioni Esperidi, ed intitolato “Caffè in ghiaccio con latte di mandorla”. E’ il volume di Valentina Perrone, pubblicista 35enne che vive tra Guagnano e Salice Salentino: all’interno, prove coraggiose di chi si imbatte nel dolore ma ne esce. Storie quotidiane, ma non troppo

La copertina del libro di Valentina Perrone

LECCE – La data del 25 novembre non è stata scelta a caso: sarà presentato in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne il primo libro di Valentina Perrone, giornalista 35enne di Guagnano, che presso la Fondazione Esperidi illustrerà il volume pubblicato da Edizioni Esperidi dal titolo “Caffè in ghiaccio con latte di mandorla”.

Il volume, poco  più di 64 pagine in tutto, parla di “Una donna che  prende un caffè e aspetta. In Salento, d’estate, lo mescola a volte col ghiaccio e il latte di mandorla, così il gusto amaro magicamente si annulla, la freschezza è piacevole. Poi la dolcezza prende vita e si fa assaporare”. Negli undici racconti contenuti nel libro, la penna lieve ma incisiva dell’autrice traccia percorsi di vita di donne coraggiose che si imbattono nel dolore e nella prova ma che, unicamente grazie al loro coraggio, riescono a rinascere e continuare a vivere e a viversi.

Le donne, qui narrate come in un diario dall’eterno presente, sono persone comuni e “normali”, dipinte tra i luoghi del Salento cari all’autrice, dedite alla loro quotidianità fatta di casa, amori, lavoro e soprattutto di caffè. Le storie nascono, crescono e si evolvono così come le protagoniste, tutte con lo stesso nome e cognome: donna e coraggio. Ad introdurre il libro, oltre all’autrice, Carla Palmieri, della Fondazione Palmieri e l’editore Claudio Martino.

Interverranno anche Maria Luisa Toto, presidente del Centro antiviolenza “Renata Fonte” di Lecce, e Simona Manca, consigliera provinciale con delega alla cultura. Modera Fulvio Palese, musicista e dottore di ricerca in Filosofia. Letture a cura dell’attrice Roberta Strafella, sulle note del violino di Roberta Mazzotta. La scrittrice è laureata in Pedagogia dell’infanzia e in Scienze pedagogiche presso l’ateneo salentino.

Ha svolto alcuni studi e ricerche per l’università leccese, specializzate soprattutto nell’ambito dei processi formativi e dell’educazione per adulti. Giornalista pubblicista, scrive per Nuovo Quotidiano di Puglia e Affaritaliani.it, collaborando inoltre con alcune testate locali tra cui GuagnanoInforma.net. Nell’agosto del 2015 ha ricevuto la menzione speciale al “Premio giornalistico Terre del Negroamaro” indetto dal GAL Terra d’Arneo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una giornalista narra di vite ordinarie di donne salentine: 11 racconti al gusto di “caffè”

LeccePrima è in caricamento