Lunedì, 21 Giugno 2021
Eventi

Al via la seconda edizione del Premio Bodini: sabato sera all’insegna della poesia

L'iniziativa, giunta al secondo anno, è stata presentata nel pomeriggio a Palazzo Carafa, alla presenza della figlia del poeta, Valentina. L'appuntamento è fissato per sabato 5 settembre, all'interno del Teatro Romano: saranno premiati Fabio Pusterla per la sezione Poesia e Nicola Crocetti per quella relativa alla Traduzione

Un momento della conferenza di questa mattina

LECCE  - E’ stata presentata questo pomeriggio, a Palazzo Carafa, la seconda edizione del Premio dedicato a uno dei più grandi poeti del sud: Vittorio Bodini. L’appuntamento è fissato per sabato 5 settembre, all’interno del Teatro Romano. L’iniziativa è stata illustrata alla presenza dell'assessore al Turismo e Marketing territoriale, agli Spettacoli e agli Eventi, Luigi Coclite, del conduttore della serata, il giornalista Rai Antonio Caprarica, del presidente del Centro Studi Vittorio Bodini, Valentina Bodini, del professor Lucio Giannone, dell’editore Livio Muci e per Kurumuny Giovanni Chiriatti. Sono Fabio Pusterla per la sezione Poesia e Nicola Crocetti per la sezione Traduzione i vincitori del “Premio Internazionale Vittorio Bodini”, organizzato dall’omonimo Centro Studi (presieduto da Valentina Bodini, figlia del poeta) e giunto quest’anno alla sua seconda edizione.

 I vincitori delle due sezioni del Premio, rispettivamente autore del volume “Argéman” (pubblicato da Marcos y Marcos) e della nuova traduzione delle “Poesie” di Costantino Kavafis edite da Einaudi Torino,  sono stati individuati da una giuria internazionale presieduta dalla docente Anna Dolfi, ordinaria di Letteratura italiana moderna e contemporanea presso l’Università di Firenze e socia corrispondente dell’Accademia nazionale dei Lincei.

Il Premio, consistente in una somma in denaro e nelle medaglie in cartapesta e fusione in argento realizzate dalla designer Francesca Mazzotta su un disegno originale di Vittorio Bodini (oggi logo ufficiale del Centro studi), è stato infatti attribuito, per regolamento, al poeta di lingua italiana più significativo che abbia pubblicato un nuovo libro nel biennio 2014-2015, nonché alla migliore nuova traduzione di classici di poesia uscita sul mercato nello stesso biennio, a sottolineare la doppia veste di Bodini poeta e traduttore. Il riconoscimento quest’anno si sdoppia: la prima serata del Premio, dedicata alla poesia, si terrà infatti sabato 5 settembre alle 20.30 al Teatro romano di Lecce, presentata da Antonio Caprarica, giornalista e scrittore; il giorno dopo, domenica 6 settembre, il Premio si sposterà invece a Bari, alla stessa ora, presso il Fortino Sant’Antonio, si avvarrà della conduzione del giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Pasquale Bellini e sarà dedicato alla traduzione.

Nel corso della serata leccese del 5 settembre verranno consegnati alcuni riconoscimenti: la targa in memoria del pittore Lino Paolo Suppressa (“Per l’intenso sodalizio, umano e artistico, con Vittorio Bodini, al quale fu legato dalla fedeltà alla propria terra, messa al centro da entrambi della loro produzione pittorica e letteraria”), del quale verrà proiettata un’intervista realizzata dal regista Giuliano Capani; la targa  “La luna dei Borboni” 2015 al professore emerito dell’Università di Bari  Francesco Tateo (“Per il rapporto di amicizia e collaborazione con Vittorio Bodini, del quale fu collega presso l’Università degli Studi di Bari, e per le preziose testimonianze da lui offerte in varie occasioni sull’attività bodiniana”).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via la seconda edizione del Premio Bodini: sabato sera all’insegna della poesia

LeccePrima è in caricamento