Eventi

Il “Presepe di San Francesco”: i frati minori aprono le porte del giardino del convento

Inaugurazione, tra fuochi d'artificio e degustazioni, domenica 13 dicembre presso il convento di Santa Maria delle Grazie, a Soleto. La settima edizione dedicata alla memoria di Fernando Tundo, a 25 anni dalla scomparsa in un incidente sul lavoro

Foto di G.Attanasi.

SOLETO - Tutto pronto per la VII edizione della manifestazione natalizia “Il Presepe di San Francesco”, organizzato dai Frati Minori del convento santuario “Santa Maria delle Grazie” di Soleto, con la collaborazione del gruppo “Amici del Presepio” e con il patrocinio del Comune di Soleto.

Unico nel suo genere, il presepe francescano di Soleto è una rievocazione culturale, spirituale ed artistica che permette di immergersi nella significativa ed avvolgente atmosfera legata alla Nascita di Betlemme e Greccio.

Con il passare degli anni è diventato uno dei presepi tematici più visitati del Salento, grazie alle sue particolarità, al suggestivo contesto, ed ai numerosi appuntamenti che si snodano nei giorni più significativi del calendario natalizio e liturgico.

Il Presepe di San Francesco è allestito nella splendida ed intima cornice dell’antico giardino conventuale, sotto il cielo notturno ed accompagnato dall’ “effetto neve”.  Deliziosi e minuti angoli del caratteristico pergolato, dell’orto, delle piante mediterranee, dei secolari pozzi, delle costruzioni rurali, e del mulino con il mortaio, accolgono le preziose statue in cartapesta e vestite realizzate dall’artista Antonio Papa di Surano e dal maestro Antonio Vonghia di Copertino.

Tra i numerosi scenari naturali e le scene presenti,  come il “ Campo dei Pastori”, l’”Annuncio della Nascita”, la “Casa di Giovanni Velita”, il “Luogo della Nascita”, quest’anno sarà possibile ammirare la grandissima e settecentesca cisterna: una particolarmente attesa: profonda 8 metri, lunga 15 e larga 7 metri, per la prima volta aperta al pubblico, ospiterà le “Scene dei lavoratori”.

particolare scenografia, presepe, dalla Iv edizione, foto di G. Attanasi-3La VII edizione soletana del Presepe di San Francesco è dedicata alla memoria di Fernando Tundo, in occasione del suoi 25 anni dalla scomparsa, a causa di un incidente di lavoro.  Questo scorcio insolito e caratteristico, inserito nella cisterna, evoca l’imprenditore soletano che si è contraddistinto per le sue doti di umiltà ed imprenditoria.

L’inaugurazione del pesepe animato e francescano avverrà il 13 dicembre alle ore 19 tra fuochi d’artificio e la degustazione di “pittule” e “pucce”, tipiche gastronomie del Natale.

Il presepe soletano, sarà aperto, dalle ore 16.30 alle ore 21.30, nei giorni : 20 dicembre (abbinato al bellissimo “Villaggio di Babbo Natale” a cura dell’Associazione “Francesco Marco Attanasi Onlus” che si svolge nel centro storico); 24 dicembre ( in notturna, in occasione della Messa per la Solennità del Natale del Signore delle ore 23.00); 26 dicembre ( legata alla straordinaria iniziativa “Le Mura in festa” che si svolge dalle ore 20.30 nel borgo antico); 27 dicembre ( alle ore 19.00 si potrà assistere all’incantevole Concerto natalizio  a cura della “Schola Cantorum” con la partecipazione del tenore Gabriele Mangione);  29 dicembre ( alle ore 19.00 vi sarà il suggestivo Concerto meditazione del Fraticanto “A Te solo Altissimo”); 1 e 2 gennaio, ed il giorno dell’Epifania in cui si potrà partecipare al Corteo dei Re Magi, partendo da Porta San Vito, allietati dalla musica natalizia con i zampognari e degustare “pucce” e “pittule” tradizionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il “Presepe di San Francesco”: i frati minori aprono le porte del giardino del convento

LeccePrima è in caricamento