Mostra sulla persecuzione degli ebrei: slitta di una settimana la chiusura

Chiuderà il 16 febbraio il percorso fotografico che attraversa gli anni 1938-1945. Inaugurato il 20 gennaio presso l’Ex ospedale dello Spirito santo

Visitatori della mostra a Lecce.

LECCE – Grande successo per la mostra “1938-1945 la persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per la storia”. Tanto da prorogare la chiusura, spostandola di una settimana. Inaugurata lo scorso 20 gennaio presso il complesso Ex ospedale dello Spirito santo di Lecce, alla presenza del capo del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione, sta infatti riscontrando una notevole partecipazione da parte del pubblico.

Numerosi cittadini, turisti compresi, studenti degli istituti della provincia hanno preso parte al percorso espositivo, apprezzandone i contenuti.  Il percorso fotografico attraversa il periodo italiano compreso tra il 1938 e il 1945 tramite immagini e documenti che raccontano di una delle più gravi persecuzioni: quella nei confronti degli ebrei.

È anche per questo che, vista la disponibilità della Soprintendenza archeologica, delle Belle arti e paesaggio, su parere favorevole della Direzione centrale degli affari culturali del ministero dell’Interno, la chiusura della mostra slitta al prossimo 16 febbraio, anziché al 9, data prevista inizialmente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento