Lunedì, 25 Ottobre 2021
Eventi

Retrospection: arte contemporanea nel castello di Carlo V. Fino al 6 settembre

La mostra, che inaugura venerdì 24 luglio, propone opere di quattro artisti contemporanei che per la prima volta espongono in città all'interno di un progetto espositivo così complesso, grazie al sostegno di Theutra, Oasimed e Novamusa e il patrocinio del Comune di Lecce

LECCE – Da venerdì 24 luglio al 6 settembre, dalle 9 alle 23, le sale del castello di Carlo V ospitano la mostra Retrospection, a cura di Lorenzo Madaro, che propone opere, soprattutto inedite e site-specific, di quattro artisti contemporanei che per la prima volta espongono in città all’interno di un progetto espositivo così complesso, grazie al sostegno di Theutra, Oasimed e Novamusa e il patrocinio del Comune di Lecce.

Retrospection è una riflessione sul lavoro di Giuseppe Capitano, Eva Caridi, Davide Coltro e Daniele D’Acquisto, autori di sculture e installazioni concepite con linguaggi e approcci complessi e diversi tra loro. Tutti e tre, con modalità plurali, propongono nel presente ricerche legate a uno scandaglio continuo delle proprie origini e delle radici culturali e visive di determinate aree.

Capitano osserva in particolare la natura, elabora forme e proporzioni per poi rivoluzionarle attraverso la sua scultura in canapa, che sin dai suoi esordi ha incontrato l’attenzione di un collezionista e gallerista straordinario come Fabio Sargentini, fondatore de L’Attico. Le opere di Capitano, realizzate appositamente per la mostra in occasione di una recente residenza in Valle d’Itria, vivono gli spazi del castello cercando un confronto perpetuo con gli spazi.

Anche Eva Caridi (nella foto accanto una sua opera) avvia una riflessione sulla natura, ma attraverso il suo rapporto simbiotico con l’essere umano. I calchi in gesso grezzo dei brandelli di vegetazione della sua città, Corfù, saranno contrapposti a due figure femminili eteree, quasi asessuate, circondate da elementi ferrosi.  Davide Coltro propone Eva Caridi, Senza titolo, 2015, materiali vari, dimensioni variabili-2invece un grande progetto installativo multimediale, un ciclo di suoi quadri elettronici: immagini in movimento – che l’artista potrà modificare dal suo studio di Milano attraverso internet – dedicate ad alcune fonti biografiche e bibliografiche.

Con GoRe del 2009, un ciclo circoscritto che propone specifiche tracce audio in tridimensione, Daniele D’Acquisto propone opere generate da un’osservazione della realtà che genera significati. Spesso, nella nostra quotidianità, ci troviamo di fronte a dei fenomeni apparentemente normali, che però possono dar vita a risultati e situazioni inaspettate: in questo caso ciò che è per eccellenza etereo, il suono, si è tramutato in qualcosa di estremamente tangibile, percepibile con un altro senso, anzi altri due sensi, il tatto e la vista.  Il suono diviene così scultura.

Retrospection – l’inaugurazione è in programma venerdì 24, alle 19, alla presenza degli artisti - è pertanto un viaggio nelle radici della cultura, e un itinerario a ritroso nella conoscenza. La mostra sarà accompagnata da un catalogo, la sua presentazione è prevista durante la serata inaugurale, con testi critici di Lorenzo Madaro, documentazione delle opere in mostra e apparati biografici, espositivi e bibliografici dei quattro artisti. Il catalogo, prodotto da Theutra, Oasimed e Novamusa, sarà ideato e progettato da Andrea Episcopo - Rumorsweb.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Retrospection: arte contemporanea nel castello di Carlo V. Fino al 6 settembre

LeccePrima è in caricamento