Sabato, 12 Giugno 2021
Eventi

Nate nel Salento dopo l'orrore dello sterminio nazista. Storia e memoria di tre donne

Nell'immediato dopoguerra i campi di transito allestiti in provincia di Lecce divennero luogo di speranza e di "rinascita". Alle Officine Cantelmo un documentario, alla presenza della regista Yael Katzir, che ripercorre il primo scorcio di vita di tre donne israeliane

Il campo di Auschwitz. (@TM News/Infophoto).

LECCE - Tre israeliane nate nel Capo di Leuca da genitori scampati all'orrore dei lager hanno riavvolto i fili del loro passato per riappropriarsi di un pezzo fondamentale della loro esistenza ma anche per raccontare storie di ordinaria solidarietà accadute nel Salento negli anni complicati del dopoguerra, tra il 1946 e 1947.

Il frutto di questo lavoro è il film documentario "Rinascere in Puglia" che sarà presentato sabato 23 maggio, alle 19.30, presso le Officine Cantelmo nell'ambito della rassegna "Europa e dintorni" curata ad Europe Direct.  Ospiti alla proiezione e al dibattito saranno la regista Yael Katzir, lo sceneggiatore Gady Castel e due delle promotrici del film, le due "figlie di Leuca" Rivka Cohen e Shuni Lifshìtz con il coordinamento di Fabrizio Lelli, docente di ebraico all'Università del Salento, curatore del sito www.profughiebreinpuglia.it che contiene tutte le informazioni necessarie per avere un'idea di quale fosse il contesto, drammatico ma anche pieno di speranze, di quel tormentato periodo. 

Il documentario racconta la storia di Rivka, Shuni ed Ester, tre israeliane nate a Leuca nell'immediato dopoguerra e della loro ricerca di radici nella Puglia meridionale, accomunate dalle esperienze dei loro genitori, deportati nei lager, liberati per essere istradati nei campi di transito e vissuti per un lungo periodo tra Santa Maria al Bagno, Santa Cesarea, Tricase e Santa Maria di Leuca.  Una comunità di "migranti forzati" che interagì con gli italiani del territorio e in cui s'intrecciarono esempi di solidarietà e partecipazione alle situazioni drammatiche causate dal conflitto.

Il film "Rinascere in Puglia" è stato fortemente voluto da un gruppo di "figli di Leuca" che hanno voluto ristabilire un legame col Salento, la terra in cui i loro genitori si sono incontrati e sposati, il loro luogo di nascita. Quest'episodio toccante della nostra storia contemporanea, ricostruito sapientemente dal documentario, è un esempio di come lo spirito dell'accoglienza possa unire popoli in apparenza diversi e di come l'Italia abbia da sempre costituito un ponte ideale tra tradizioni e culture.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nate nel Salento dopo l'orrore dello sterminio nazista. Storia e memoria di tre donne

LeccePrima è in caricamento