Lunedì, 2 Agosto 2021
Eventi

Salento Sounds Good Festival, il tour continua

Dal mercoledì 7 a venerdì 30 maggio dodici gruppi pugliesi si sfideranno per conquistare quattro posti sul prestigioso palco del Salento Sounds Good Festival, sponsorizzato dalla Heineken

I "Tea Time".

Dal mercoledì 7 a venerdì 30 maggio dodici gruppi pugliesi si sfideranno per conquistare quattro posti sul prestigioso palco del Salento Sounds Good Festival, sponsorizzato dalla Heineken, giunto quest'anno alla sua quinta edizione. Salento Sounds Good Tour, ogni mercoledì, giovedì e venerdì toccherà l'Heineken Green Stage di Tricase, il Road 66 e il Rubens di Lecce e il Lowenbrau La Birreria di Poggiardo. Il tour prosegue mercoledì 14 maggio al Lowenbrau La Birreria di Poggiardo con il concerto dei Tea Time, trio leccese che ha acquisito una formazione stabile dall'inverno 2006, con l'ingresso di un'ottima base ritmica. Di ispirazione prettamente londinese, adorano la bella musica, adorano l'armonia delle note e delle voci, adorano tutto ciò che può riportare alla mente l'atmosfera inglese di qualche decennio fa dove ciò che era importante prima di tutto era la musica, il suono.

Per questo motivo nella loro scaletta si alternano pezzi propri, cover dei Jam, dei Police, dei Baby Shambles. Per questo motivo nei loro pezzi si alterna una chitarra tagliente o distorta a una chitarra quasi assente a valorizzare le parti vocali e i testi, alle quali i Tea Time dedicano buona parte del loro lavoro. Trio per scelta e per presa posizione, esprimono il meglio di se durante i live, nei quali niente è mai dato per scontato. La band: Andrea Cataldo (chitarra e voce), Francesco Chetta (Basso e Cori), Riccardo Lobbene (batteria).

Giovedì 15 maggio al Rubens di Lecce spazio ai Garnet. La band nasce nel 2005 da un'idea di Max Ratano (chitarra) e Tony Apruzzi (basso) da sempre compositori con un feeling eccezionale. Successivamente Eleonora Passaseo, riconosciuta nel territorio come una delle migliori e più potenti voci, si interessa del progetto ed entra a far parte dei Garnet, completando in parte la band. I tre iniziano la scrittura dei primi brani, si avvalgono poi, per i live, del supporto di batteristi ancora non definitivi. Il 2006 è l'anno in cui conoscono Cristian De Santis con cui continuano il lavoro di composizione dei brani che entreranno a far parte del loro primo album. Nei primi mesi del 2007, i Garnet preparano uno spettacolo live di 2 ore, collocabile nella scena pop-rock nazionale e internazionale nel quale vengono eseguite tutte le loro canzoni. Successivamente un nuovo componente si aggiunge alla band, Ivan Ciullo "Navi", noto rapper della scena salentina che valorizza le canzoni con un supporto elettronico (synth, beat, ?) oltre che vocale dando ad alcuni brani un'atmosfera nu-metal. Contemporaneamente alla composizione dei nuovi brani, continuano a calcare i palchi, con il loro "Your unnecessary words tour", delle principali località salentine. Nell'ottobre del 2007 entrano in studio per registrare quello che sarà il loro primo album ufficiale "Anger tracks". Supporter dei Persiana Jones e di Pino Scotto, finalisti all'On Stage 2008, primi classificati nella sezione speciale su una canzone per il Darfur all'Are' rock festival, i Garnet si preparano alla realizzazione del primo Video "Your unnecessary words" e da marzo 2008 chiudono il cerchio della line-up con l'entrata in scena di Gianmarco Serra, l'attuale batterista.

La seconda settimana del tour si chiude venerdì 16 maggio all'Heineken Green Stage di Tricase con i Dolce mente. Tutto prende forma grazie alla forte voglia del cantante-chitarrista Simone Pellegrino (simon l'etranger) di fare una musica che avesse nell'anima un forte legame con la propria terra sfruttando le sue immagini, i suoi colori e le distrazioni reali per descrivere e scrivere. Tali immagini sono avvolte da melodie e sonorità "indie-pop" (a noi piace dire finto-pop) che ancor di più rendono rarefatto il contenuto dei testi. Nel fare questo è spinto e motivato dal suo batterista, Salvatore Corlianò, che da subito crede nel progetto e s'impegna nell'ardua ricerca degli altri componenti tenendo vivo l'entusiasmo anche in momenti non poco difficili. Verso la fine del 2007 incontrano Sandro Fiore, il bassista, che già dalle prime prove comprende il linguaggio e si adatta al nuovo stile. è proprio Sandro, entusiasta e coinvolto appieno, che suggerisce la collaborazione con Stefano Leuzzi / sinth-piano rhodes che, con i suoi suoni caldi ed astratti, riesce a dare il valore aggiunto al prodotto firmato "Dolce mente". Da subito al lavoro quindi per il primo EP, "il temporale estivo" che prende forma negli studi di Nanni Surace tra fine febbraio e fine marzo 2008.

Il Salento Sounds Good Tour prosegue con P40 (mercolì 21 maggio al Road 66 di Lecce), U'Papun (giovedì 22 maggio al Lowenbrau La Birreria di Poggiardo), Risonanze Folk (venerdì 23 maggio all'Heineken Green Stage di Tricase), Senza rancore fran (mercoledì 28 maggio al Lowenbrau La Birreria di Poggiardo), Lenula (giovedì 29 maggio al Rubens di Lecce) e infine Aioresis (venerdì 30 maggio all'Heineken Green Stage di Tricase).

Le quattro band vincitrici divideranno il palco del Salento Sounds Good Festival 2008 con Apres La Classe (2 agosto) e Bandabardò (9 agosto). Il Salento Sounds Good, nato nel 2004, dopo quattro edizioni a Carpignano Salentino si trasferisce nella nuova location di Parco Torcito a Cannole. Le prime edizioni hanno visto la presenza, tra gli altri, di Roy Paci e Aretuska, Max Gazzè, Giuliano Palma & The BlueBeaters, Neffa, Rezophonic, Apres La Classe, Kumenei e Lu Professore, Zoe, One love hi powa e soprattutto decine di migliaia di persone che hanno trasformato questo festival in uno degli appuntamenti più attesi dell'estate salentina.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salento Sounds Good Festival, il tour continua

LeccePrima è in caricamento