La regina della black music Mama Marjas e Don Ciccio chiudono “Sparpaiati festival”

L’appuntamento del 12 settembre ha chiuso il festival: centinaia di cittadini hanno preso parte alle varie tappe

La tappa dell'ultimo evento, a Castrignano de' Greci.

LECCE – Successo per il festival “Sparpaiati”, organizzato da Arci Lecce in diversi comuni del Salento. Da luglio a settembre, cinque i laboratori con altrettanti eventi conclusivi e altri tre appuntamenti “extra” hanno visto la partecipazione di diverse centinaia di cittadini. Il tutto rigorosamente a titolo gratuito. A chiudere la rassegna culturale, lo scorso 12 settembre, il ritmo di Mama Marjas e Don Ciccio: dopo un percorso formativo che ha coinvolto bambini, adulti e ospiti dei progetti Sprar, i noti artisti si sono esibiti all’interno del Palazzo baronale De Gualtieris di Castrignano de’ Greci.

Un luogo storico e prestigioso dal punto di vista architettonico che rientra fra le scelte che hanno caratterizzato l’anima del festival: l’idea iniziale era infatti quella di far rivivere le comunità della provincia, comprese quelle in cui Arci gestisce i propri progetti di accoglienza e integrazione dei cittadini stranieri. Un esempio ben riuscito quello dei laboratori (che hanno visto la direzione e la formazione da parte di celebri artisti), dove i più piccoli hanno lavorato assieme agli anziani e agli ospiti dei progetti Sprar. Tutti assieme coordinati da nomi come Cesare Dell’Anna, Manu Funk, Giuseppe Semeraro, Andrea Satta, Fabrizio Saccomanno e nell’evento conclusivo, appunto, Mama Marjas e Don Ciccio. Ma non è tutto. Agli eventi organizzati nei comuni di Caprarica di Lecce, Castringnano del Capo, Castrignano de’ Greci, Lequile e Patù, se ne sono sommati altri. Tutti gratuiti e aperti al pubblico, pur nel rispetto della normativa anti contagio. A Lecce si è infatti esibito Lorenzo Kruger e nella piazza di Trepuzzi Mino De Santis. A Campi Salentina, infine, l’ensemble La Cantiga de la Serena.

“L’idea dei festival diffusi, al posto del grande festival che siamo soliti organizzare ogni anno, si è rivelata vincente, - dichiara Anna Caputo, presidente provinciale di Arci Lecce. “Siamo infatti riusciti a entrare nelle comunità con delle attività laboratoriali che hanno visto coinvolti bambini, ragazzi, adulti, creando quella integrazione culturale che tanto auspichiamo. Tutti i nostri eventi si sono svolti in luoghi suggestivi e rappresentativi della comunità presso cui abbiamo lavorator e per cui possiamo dire che il Covid è stato qualcosa di terribile ma, nel caso di Sparpaiati festival, ci ha fatto cogliere occasioni e opportunità che altrimenti non saremmo riusciti a comprendere. La partecipazione è stata molto alta e il ringraziamento da parte di cittadini e cittadine dei paesi in cui siamo stati presenti è stata importante e in linea con ciò che intendevamo realizzare. I particolari ringraziamenti vanno sia ai sindaci dei paesi dove quest’anno abbiamo svolto lo “Sparpaiati festival” e gli altri eventi (i primi cittadini di Castrignano dl Capo, Patù, Castrignano de Greci, Campi Salentina, Trepuzzi, Lequile e Novoli), sia agli operatori e alle operatrici di Arci che hanno lavorato per contribuire a rendere l’estate meno pesante”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio nella casa di riposo e il dato dei contagi in Puglia s'impenna

  • Duplice delitto, l’istinto omicida anche in ospedale e la nuova perizia sui bigliettini dell’orrore

  • Covid-19, balzo al 6,5 per cento dei nuovi infetti: sono 350 in Puglia

  • In centinaia ne “La Fabbrica”, piomba la polizia: locale chiuso cinque giorni

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Salento controcorrente: il trend dell'epidemia frena. Metà dei ricoveri da fuori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento