Lunedì, 20 Settembre 2021
Eventi Galatina

Streamfest, quando l'elettronica si trasforma in arte

Dal 26 al 28 luglio presso il Quartiere fieristico di Galatina la prima rassegna a Sud-Est sui new-media. Ambienti avvolgenti con cui interagire e musica con dj-set ed ospiti da tutta Europa

Arti elettroniche, per la prima volta nasce una rassegna a Sud-Est e ad ospitarla sarà il Quartiere fieristico di Galatina. "StreamFest - Salento New media festival", evento presentato oggi a Palazzo Adorno, è un progetto dell'associazione culturale "sud-eStream", con la direzione artistica di Antonio Rollo, la consulenza di Carlo Infante (Performing Media Lab), di Luca Barbeni (Share Festival di Torino) e di Giulia Mainenti (VJ e artista, Trieste) in collaborazione con l'ente fiera Salento Spa, e il supporto della Regione Puglia, Provincia di Lecce e Comune di Galatina, il patrocinio dell'Accademia di Belle Arti di Lecce e dell'Itas 'Grazia Deledda' di Lecce. All'incontro con la stampa hanno partecipato Cosimo Casilli, presidente dell'Ente Fiera Salento, Sandra Antonica, sindaco del Comune di Galatina ed Antonio Rollo, direttore artistico di Streamfest.

La manifestazione si terrà dal 26 al 28 luglio e sarà divisa due ambienti suggestivi e complementari: la Piazza delle scoperte (quattordici stanze che accolgono i lavori installativi) e il Palco delle emozioni (il luogo dove si alterneranno performance, vj-set e dj-set). Nella piazza delle scoperte si dispongono le diverse installazioni proponendo un percorso che va dal video agli ambienti sensibili. Dal palco delle emozioni partiranno le performance audiovisive pensate come un viaggio in cui audio e immagini costruiscono traiettorie che accompagnano lo spettatore verso una dimensione di coinvolgimento sensoriale. Dalle 24 in poi il palco delle emozioni ospiterà vj-set e dj-set, che daranno vita con le loro esibizioni a nuove forme di fruizione della musica da ballo.


Tra i protagonisti internazionali dello StreamFest: Denis "Jaromil" Rojo (Amsterdam), il duo italo-austriaco di origini salentine Casaluce-Geiger, Cecile Landman (Olanda), gli Scenocosme (Lione), F.X Randomiz e C-Schulz (Germania) per il Sombrero Party. Tra le realtà del territorio, la community Agroelettronica, la net-label MuertePop, gli artisti Pierpaolo Leo, Urkuma, Giorgio Viva. La chiusura del festival è affidata alle spirali sonore di Lackluster dalla Finlandia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Streamfest, quando l'elettronica si trasforma in arte

LeccePrima è in caricamento