Lunedì, 20 Settembre 2021
Eventi

Sulla passerella la moda disegnata dai giovani

Serata di gala al Tiziano di Lecce, con l'undicesima edizione di "Giovani stilisti in passerella". Allievi ed allieve di tredici istituti di Puglia hanno esibito le loro creazioni nella sala gremita

I colori della moda, il calore della giovinezza. La creatività pulsa nelle vene e sprizza dalle menti di tanti ragazzi e ragazze pugliesi. Ed è proprio sotto il segno della fantasia, tradotta nelle forme della moda d'alta scuola, che è nato ed è cresciuto nel tempo "Giovani stilisti in passerella". L'evento ha celebrato il suo undicesimo anniversario, in una cornice di pubblico entusiasta e rapita dal fascino dell'eleganza, che ha letteralmente gremito la sala messa a disposizione dell'hotel Tiziano di Lecce: almeno 800 gli invitati alla serata di gala, tra famiglie e amici degli stilisti in erba provenienti da tutta la Puglia, autorità ed esponenti dei Lions club, che hanno patrocinato la manifestazione insieme a Regione e Provincia.

Una serata speciale, come sempre da undici anni ad oggi, fortemente voluta da Pino Cordella, decano degli stilisti leccesi, il quale in apertura ha voluto ricordare il cuore che anima "Giovani stilisti in passerella": "Far conoscere le qualità degli studenti migliori e permettere che si possano creare opportunità professionali nella nostra terra, evitando quell'eterna dispersione dovuta all'assenza di opportunità".

Cordella, che fra le sue decine e decine di creazioni rivendica il "nude look", ricorda spesso, e l'ha fatto anche ieri, la sua scelta di vita: quella di creare una realtà di alta sartoria a Lecce, obiettivo maturato diversi anni fa e a scanso di un successo molto più immediato che avrebbe potuto ricevere rimanendo a Milano, patria del fashion. "Molti di voi, purtroppo, abbandoneranno la Puglia per cercare fortuna altrove - ha detto ai giovani delle tredici scuole invitate -, ed è anche giusto che abbiate le soddisfazione che meritate. Ma la mia speranza è che possiate crescere qui, nella vostra terra, portandole valore e opportunità di lavoro".

Tredici sono state le scuole pugliesi presenti con le creazioni dei propri allievi: "Victoria Academy" di Bari. Ipsia "Pacinotti" di Foggia, Iiss "Leonardo da Vinci" di Gallipoli, "Antonietta De Pace" di Lecce, accademia d'alta moda "Ruberti" di Lecce, accademia di moda "Sitam" di Lecce, Ipsia "Amerigo Vespucci" di Molfetta, professionale "Moccia" di Nardò, Iiss "Silone" di San Ferdinando di Puglia, professionale "Morvillo Falcone" di Sava, Ipsia "Archimede" di Taranto, Ipsia "Bottazzi" di Taurisano ed "Antonietta De Pace" di Tricase". Ospite d'onore: l'istituto "Carlo Secoli" di Milano.


Sulla scena, dunque, le opere disegnate dagli studenti delle scuole, indossate in alcuni casi dalle stesse allieve, eleganti e disinvolte e in passerella, in altri da modelle professioniste: capi pregiati e stile in evidenza, per giovani leve della sartoria con un avvenire di successo. A metà serata, Pino Cordella, insieme alla conduttrice Stefania Della Tomasa, ha consegnato al molisano Sebastiano Di Rienzo, maestro accademico e segretario generale della Federazione mondiale dei maestri sarti, il "Rever d'Oro Cosmo Cordella". Motivazione: "aver contribuito con la sua arte, la sua genialità, ed i suoi testi didattici a rendere grande la sartoria italiana nel mondo". Una presenza importante, quella di Di Rienzo, a Lecce, a testimonianza di quale sia l'attenzione rivolta alle creazioni delle scuole pugliesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sulla passerella la moda disegnata dai giovani

LeccePrima è in caricamento