Incantastorie: rassegna di teatro di figura 2019

Il comune di Castro in collaborazione con la compagnia ARTEconDITA presenta INCANTASTORIE, rassegna di teatro di figura rivolto alle famiglie.

Nella splendida cornice del castello Aragonese di Castro la compagnia metterà in scena uno spettacolo di burattini ed ombre dal titolo LA TORRE DEL SERPE.

La storia è tratta da una leggenda salentina che narra di come sia nato lo stemma della città di Otranto.

Sembra che il primo attacco dei Turchi fu sventato dallo spegnimento improvviso della lampada del faro, ma come è potuto succedere?

Peppe e Pati i due protagonisti onnipresenti in tutte le produzioni della compagnia si troveranno coinvolti nell'investigazione di questo caso. Per saperne di più vi aspettiamo mercoledì 17 luglio alle ore 21 nel castello Aragonese di Castro.

Lo spettacolo è interamente recitato dal vivo dai burattinai Betty Melissano e Roberto Nuzzo
per info : 328.6178251 - 335.1497588

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Laboratorio teatro e benessere

    • dal 30 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Centro sociale viale Roma
  • Primi appuntamenti Genius Loci di Astragali Teatro da Lecce

    • Gratis
    • dal 14 aprile al 6 maggio 2021
  • Laboratorio teatro e crescita personale

    • dal 15 ottobre 2020 al 27 maggio 2021
    • We Lab

I più visti

  • "Otràntu": il videoclip di Anna Sabato

    • Gratis
    • dal 5 aprile al 31 dicembre 2021
    • https://youtu.be/lNJwqaGv7tA
  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • “I mestieri del cinema” nell’Istituto Tecnico Antonietta De Pace

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 28 maggio 2021
    • Istituto Tecnico Professionale Antonietta De Pace
  • L'emeroteca storica salentina nella biblioteca di Lecce

    • Gratis
    • dal 6 al 30 aprile 2021
    • Biblioteca “Nicola Bernardini”
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    LeccePrima è in caricamento