Shoah, frammenti di una ballata

  • Dove
    La Bussola
    Via Malta, 103
    Muro Leccese
  • Quando
    Dal 19/01/2017 al 03/02/2017
    21:00
  • Prezzo
    Platea(posto unico): Euro 8,50 - *Platea ridotto: Euro 7,50 *( Ultrasessantacinquenni, Studenti di Scuola Secondaria Superiore ed Universitari, Ragazzi inferiori a 10 anni)
  • Altre Informazioni
    Sito web
    labussolamuro.it

Venerdì 03 febbraio 2017, ore 21.00, appuntamento con la nostra rassegna teatrale"Palcoscenico"-Stagione in prosa 2016/17. In scena Fabrizio Saccomanno con "SHOAH" Frammenti di una ballata di e con Fabrizio Saccomanno e Redi Hasa.

Un giorno di dicembre mi è stato affidato un progetto inerente la shoah. Si trattava di raccontare in teatro a degli studenti quella che da molti è considerata la più grande tragedia dell'umanità. Da anni a teatro racconto storie ma da subito ho sentito quanto il compito affidatomi andava oltre le mie capacità. Non appena cominciavo a raccontare finivo nell'iperbolico, nell'eccezionale. Le parole si ammantavano di retorica, si facevano esagerate. Continuavo a rileggere centinaia di testimonianze, a studiare le vicende, a nutrirmi di scritti di autori ma poi al momento della restituzione tutto si faceva buio.

Dalla fine della guerra ci sono stati lasciati fiumi di parole. Sono molti quelli che hanno testimoniato, raccontato, analizzato, valutato, confessato. Ci hanno lasciato in eredità opuscoli, diari, libri di memorie. Ci sono dentro storie terribili, tanto dolore, a volte anche luoghi comuni, giudizi affrettati e superficiali. Era ed è giusto così. Ma tutto questo materiale mi paralizzava. Sentivo che le mie parole andavano ad aggiungersi a tutta un'infinita letteratura senza nulla aggiungere. Meglio, mi dicevo, sarebbeil silenzio, il gesto di gettare un fiore in terra o di posare una pietra su una tomba. Meglio una musica. Da questo travaglio ha preso corpo quello che ho chiamato Shoah, frammenti di una ballata.

Con Redi Hasa, meraviglioso musicista e compositore, abbiamo costruito quattro brevi racconti in cui continuo è il dialogo tra parole e musica. Sono racconti che non vogliono dire per intero quella terribile storia (d'altra parte come si potrebbe), sono racconti che più che interessarsi ai fatti cercano di restituire le sensazioni e i pensieri di chi c'era li in quel momento. Sono voci di bambini ed adolescenti che non capirono allora quello che stavano vivendo e provano a dirselo e a dircelo in qualche modo.

Un modo sincopato e stralunato. Più che voci che spiegano sono occhi che raccontano. E non cercano redenzione. -PREZZO BIGLIETTI- PREZZO SINGOLO BIGLIETTO: Platea(posto unico): Euro 8,50 *Platea ridotto: Euro 7,50 *( Ultrasessantacinquenni, Studenti di Scuola Secondaria Superiore ed Universitari, Ragazzi inferiori a 10 anni) -ORARIO DELLE RAPPRESENTAZIONI- Apertura sala: ore 20.30 Apertura sipario: ore 21.00 Non sarà consentito l'accesso a spettacolo iniziato. PER INFO E PRENOTAZIONI: - recarsi di persona presso la biglietteria del Teatro "La Bussola", via Malta 103, Muro Leccese, dal lunedì al venerdì dalle 18.00 alle 20.30; - telefonicamente ai numeri: 0836-341413 - 340.2731537, dal lunedì al venerdì dalle 18.00 alle 20.30 Muro Leccese(Lecce) "La Bussola", Via Malta 103 - Muro Leccese www.labussolamuro.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Il genocidio perpetrato ai danni degli ebrei,dei rom,degli omosessuali ed oppositori politici nei campi di sterminio non trova nella semantica espressione sufficientemente esaustiva per esser definito nel suo orrore.Credo che nessuno osi contestare questa semplice verita'.Ma se volessimo,per una volta,rendere piena giustizia alla memoria delle Vittime,allora dovremmo ribadire degli interrogativi oscuri rimasti senza risposta,perche' la storia che viene sempre scritta dai vincitori ad essi non ha saputo o voluto dare risposta.Prima della decisione tragica di procedere con la cosiddetta "soluzione finale" i nazisti organizzarono una campagna imponente di esodo forzato di ebrei.Emblematico il caso di una grossa nave passeggeri tedesca che parti' con moltissimi di loro alla volta degli Stati Uniti,nazione che rifiuto' ad essi lo sbarco.La nave prosegui' per Cuba,ove le locali autorita' dopo un lungo tergiversare non permisero anch'esse lo sbarco.A questo punto il transatlantico tedesco torno' in Europa,gli inglesi si rifiutarono di accogliergli al pari di altri paesi,ed a quel punto ineluttabilmente la nave tedesca si vide costretta a ritornare nel porto tedesco.Qui soltanto venne concesso agli ebrei di sbarcare e molti di loro finirono per morire nei campi di concentramento.In questi campi di morte affluivano convogli ferroviari da tutta Europa,quindi se l'aviazione degli alleati avesse sistematicamente bombardato le linee ferroviarie probabilmente il flusso di deportati sarebbe diminuito notevolmente.Perche' non lo fecero?E perche' non si parla dei milioni e milioni di ebrei cittadini sovietici massacrati da Stalin ai tempi delle feroci purghe volute dal dittatore comunista?Secondo alcuni storici,le vittime totali del criminale sovietico ammonterebbero a circa cento milioni,dei quali ben venti,dico venti,di ebrei.Ma Stalin,mentre queste persone venivano massacrate impunemente poteva sedere a yalta con Roosvelt e Churcill a dividersi il mondo.

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Altri luoghi arte e cultura" a Copertino e Aradeo

    • dal 9 July al 6 August 2020
  • "Il bradipo e la carpa" in scena a San Cesario di Lecce

    • Gratis
    • 8 August 2020
    • Distillerie De Giorgi
  • “Teatini estate”: giovedì 6 agosto spazio al buonumore con gli artisti del “Salent Show”

    • dal 6 August al 6 July 2020
    • Chiostro dell'Ex Convento dei Teatini

I più visti

  • “Clown”: la mostra di Franco Baldassarre

    • dal 20 June al 30 September 2020
    • Castello Aragonese
  • I Pixies in Piazza Libertini a Lecce

    • 29 August 2020
    • Piazza Libertini
  • La mostra di Pietro Guida al Castello di Copertino

    • dal 14 July al 19 September 2020
    • Castello di Copertino
  • Pranzo e cena in agriturismo

    • Gratis
    • dal 20 February al 31 October 2020
    • agriturismo santa chiara
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LeccePrima è in caricamento