T(h)ree, viaggio metaforico nel dramma della Xylella

Un vagone dismesso di un qualche treno delle FSE, con i finestrini coperti da fogli di giornale. A bordo due ragazzi senza memoria. Non sanno perché siano lì, non vogliono saperlo. È l’incipit di T(h)ree, spettacolo di debutto della giovane Compagnia Teatrale Carrozza 3 in collaborazione con Teatro Dantès - Art Factory, che andrà in scena l’8 Giugno a Lecce alle ore 21:00 presso le Manifatture Knos.

T(h)ree è una storia privata e collettiva, un viaggio surreale e metaforico attraverso le pieghe di due grandi drammi del nostro territorio: la Xylella – con la conseguente perdita del patrimonio culturale, paesaggistico ed economico che la morte degli ulivi si porta dietro -, e l’emigrazione di intere generazioni di giovani, costretti a chiudere in una valigia speranze e aspettative e portarle verso Nord. Italia o Europa che sia.

All’interno della storia i due temi si intrecciano e si mescolano, seguendo una linea di pensiero (una provocazione) che li rende dipendenti l’uno dall’altro. Protagonisti dello spettacolo sono Didi e Gogo, due personaggi per certi versi beckettiani (i nomi strizzano l’occhio a Vladimiro ed Estragone di Waiting for Godot). Sono due ragazzi del Sud, lontani da casa da diversi anni.

Andati via un po’ per scelta un po’ per inerzia, convinti che la propria vita - al Sud, nella propria casa -, non avrebbe avuto sbocchi se non un eterno “girare a vuoto su se stessi”, finendo col mescolarsi fra le tante facce anonime di paese. Paesaggi da bar insomma, folkloristicamente anacronistici. Erano andati via per non tornare, eppure ora sono lì: due topi in gabbia sulla carrozza vuota di un treno fermo. Ma scopriranno ben presto di non essere i soli passeggeri a bordo.

Dovranno piegarsi alla constatazione che, a volte, non basta coprire i finestrini con fogli di giornale per lasciare che la realtà esterna resti chiusa fuori. Che a volte, spesso, aspettare che il tempo faccia il proprio corso può non essere un buon affare. Ecco perché il riferimento a Beckett (non tanto stilistico quanto concettuale): Waiting for Godot è la messa in scena, paradigmatica, dell’assurdità insita in certi tipi di attesa.

L’attesa della vita, l’attesa di se stessi, l’attesa di qualcuno che venga a indicare una rotta da seguire. Ma in questi tipi di attesa l’unico approdo possibile è un inutile girare a vuoto, in cui si consumano le suole delle scarpe disegnando cerchi più o meno ampi, per poi ritrovarsi anestetizzati al punto di partenza. Criceti su di una ruota. E c’è tutto il dramma del Sud in quest’attesa, il dramma di chi demanda a un altrove una via di salvezza. Come ebbe a dire Carmelo Bene: “La Terra d’Otranto (…) è una terra nomade, gira su se stessa. A vuoto”.

Esattamente come i Vladimiro ed Estragone di Waiting for Godot. Esattamente come tante delle vite disperate del Sud. Esattamente come chi, a riguardo della Xylella, avrebbe potuto e dovuto decidere. Non soltanto aspettare. A vuoto.

Regia e drammaturgia – Francesco Casaburi Interpreti – Francesco Casaburi, Angelo Nunzella, Miriam Minerba Scenografia – Antonio Duma Aiuto regia – Ginevra Tundo Sabato 8 Giugno ore 21 Manifatture Knos – via Vecchia Frigole, 36 Atto unico Durata - 80’ circa Biglietto - 7 € Acquisto e prenotazioni - 349 3610654

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Un delitto stellare" a Santa Maria di Leuca

    • 26 settembre 2020
    • Albergo 2 Mari
  • Lezioni prova gratuite di improvvisazione teatrale a Lecce

    • Gratis
    • dal 14 al 28 settembre 2020
    • Sede Improvvisart
  • "Creta" con Maristella Martella e Gabriele Panico al museo Castromediano

    • solo oggi
    • 19 settembre 2020
    • Museo Castromediano

I più visti

  • “Clown”: la mostra di Franco Baldassarre

    • dal 20 giugno al 30 settembre 2020
    • Castello Aragonese
  • Pranzo e cena in agriturismo

    • Gratis
    • dal 20 febbraio al 31 ottobre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • La mostra di Pietro Guida al Castello di Copertino

    • dal 14 luglio al 19 settembre 2020
    • Castello di Copertino
  • Cena in un agriturismo salentino

    • Gratis
    • dal 19 giugno al 30 settembre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LeccePrima è in caricamento