"Vataneve e i sette nanettini": in scena a Gallipoli

  • Dove
    Teatro Italia
    Indirizzo non disponibile
    Gallipoli
  • Quando
    Dal 17/10/2019 al 17/10/2019
    21:00
  • Prezzo
    10 euro
  • Altre Informazioni

Dopo il debutto “sold out” dello scorso luglio, torna in scena al Teatro Italia di Gallipoli il prossimo 17 ottobre VATANEVE e i sette naneTtini, parodia della celebre fiaba dei fratelli Grimm con protagonista Vata Barba, personaggio ideato ed interpretato da Alberto Greco, ispirato allo stereotipo della “comare gallipolina” pettegola e irriverente, ormai noto ben oltre la sua Gallipoli, anche grazie al web.

 

Cosa accade quando, come nelle fiabe più romantiche, si spera in una stella? Può capitare che ti raggiunga una fata e ti trasformi, come volevi, in una principessa. È quello che accade alla signora Vata Barba che si trova improvvisamente nei panni di una graziosa Biancaneve, maldestra ma dolce e affettuosa, pronta a coccolare sette strampalati nanetti, che stranamente hanno i modi e le  fattezze della sua “adorabile” figlioletta Ttina.

Tutto pare procedere a meraviglia fino all’arrivo di una gracile e canuta vecchina che le offre una mela dai poteri magici ed “eterni” tanto da esaudire proprio tutti i desideri.

E’ questa la trama della brillante commedia musicale VATANEVE e i sette naneTtini, prodotta da Poiefolà - Costruzioni Teatrali e Ragazzi di via Malinconico di Gallipoli.

 

Due ore di spettacolo ed oltre venti interpreti per un’opera ricca di colpi di scena che fa ridere con sarcasmo, come sempre avviene con la figura creata dal gallipolino Alberto Greco. Addolorata Barba, in arte “Vata”, ha conquistato il pubblico, non solo salentino, facendo innamorare di sé anche i numerosi turisti che ormai la seguono suoi suoi canali social.

Vata è un personaggio esilarante e intelligente che con comicità somministra al pubblico l’inesperienza dello stile di vita della casalinga del borgo esasperata dal progresso tecnologico di oggigiorno. Ecco che la quotidianità diviene teatro e le abitudini popolari offrono svariati motivi per ridere a crepa pelle.

E’ la satira del folklore e del cattivo gusto che diverte il fruitore, carica di un’ironia che nasce dal popolare e che la signora Vata rende autentica e senza tempo, nel linguaggio e nell’abbigliamento, con minuzia di particolari. “Non è solo una macchietta teatrale, esiste davvero, la gente la riconosce e la rincorre quando ha la fortuna di incontrarla, e, soprattutto, si ispira alla sua irriverenza per sorridere - dice Alberto Greco.

È ormai il mio alter ego, con vita propria, quasi una super eroina dei cartoni animati con la propria identità, la paladina del luogo comune e dell’esuberanza” dice Alberto Greco, ideatore ed interprete del personaggio, nonché direttore artistico dell’associazione culturale Poieofolà e della compagnia teatrale Ragazzi di via Malinconico.

 

VATANEVE e i sette naneTtini sarà in scena giovedì 17 ottobre alle ore 21.00 al Teatro Italia di Gallipoli. Per info e prenotazioni 345.4639956. Biglietto 10 euro.

 

Chi sarà, alla fine, la più bella del reame?

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Laboratorio teatro e benessere

    • dal 30 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Centro sociale viale Roma
  • Laboratorio teatro e crescita personale

    • dal 15 ottobre 2020 al 27 maggio 2021
    • We Lab
  • Primi appuntamenti Genius Loci di Astragali Teatro da Lecce

    • Gratis
    • dal 14 aprile al 6 maggio 2021

I più visti

  • "Otràntu": il videoclip di Anna Sabato

    • Gratis
    • dal 5 aprile al 31 dicembre 2021
    • https://youtu.be/lNJwqaGv7tA
  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • “I mestieri del cinema” nell’Istituto Tecnico Antonietta De Pace

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 28 maggio 2021
    • Istituto Tecnico Professionale Antonietta De Pace
  • L'emeroteca storica salentina nella biblioteca di Lecce

    • Gratis
    • dal 6 al 30 aprile 2021
    • Biblioteca “Nicola Bernardini”
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    LeccePrima è in caricamento