Un viaggio nel tempo al Museo Ferroviario di Puglia

Improvvisart e A.I.S.A.F., insieme con Emergency Ong Onlus, invitano il pubblico al Museo Ferroviario di Puglia per una visita teatralizzata unica nel suo genere perché realizzate in notturna: gli attori racconteranno la vita e le vicende di tanti nuovi personaggi in abiti d'epoca, ambientati negli anni ’30, ’50 e ’70 .

L’iniziativa è realizzata a sostegno di Emergency Ong Onlus, che sarà presente con i volontari del gruppo Salento, a disposizione di chi vorrà aderire alla campagna nazionale di tesseramento 2020 e di chiunque voglia conoscere e sostenere Emergency Ong Onlus.

Sabato 5 ottobre Improvvisart guiderà i visitatori in una speciale visita diffusa molto particolare: un'esperienza unica vissuta di sera, tra antichi locomotori e carrozze passeggeri, con tanti nuovi personaggi di una volta che prenderanno vita davanti agli occhi di tutti.

Gli attori di Improvvisart porteranno alla luce il periodo storico tra il 1930 e il 1970, diventeranno affabili ferrovieri e allegri macchinisti, puntuali operai e laboriose tabacchine che, in abiti d'epoca, condurranno alla scoperta del Museo, delle sue storie, dei suoi aneddoti e dei suoi treni.

Sarà l'occasione giusta per vedere dal vivo e toccare con mano la locomotiva a vapore 316 FSE del 1913, rotabile che riveste un’importanza notevole per la storia ferroviaria del territorio in quanto unica superstite del suo gruppo e unica macchina ancora esistente del parco locomotive della Società per le Ferrovie Salentine. Ma non solo.

All’interno del Museo si potranno ammirare altre vecchie e maestose locomotive, tra cui la prima locomotiva elettrica a corrente continua delle Ferrovie dello Stato che poi ha fatto la storia del trasporto ferroviario in Italia, la prima "Littorina" delle Ferrovie Sud Est, i rotabili della storica Manifattura Tabacchi di Lecce, altri veicoli d'epoca e il Treno Storico "Salento Express", tutti visitabili e alcuni di essi adibiti a sale espositive.

Il Museo ospita, inoltre, ricostruzioni degli ambienti della stazione con in mostra oggetti un tempo utilizzati dai ferrovieri e plastici di stazioni italiane, americane e del Salento, il tutto curato da AISAF - Associazione Ionico Salentina Amici delle Ferrovie.

Un modo interattivo e moderno di visitare il Museo Ferroviario, una visita/spettacolo che è adatta a tutte le età e farà conoscere in maniera diretta ed efficace la storia del Salento, un luogo dove si può respirare aria di viaggi e rivivere la gioventù dei nonni.

La collaborazione con Emergency è volta a far conoscere fatti della nostra storia passata e presente, creando un filo diretto tra passato e presente, appunto, attraversando quelle che sono le tematiche della cultura di pace proposta dalla Ong, in una lettura di testimonianza diretta.

“Un viaggio nel tempo al Museo Ferroviario di Puglia” insieme per Emergency Ong Onlus.
Sabato 5 ottobre. Turni di visita: ore 20:00 e ore 21:30.
Museo Ferroviario di Puglia, via Codacci Pisanelli, 3 – Lecce

Ingresso € 10. Sconti per bambini.
Posti limitati. Prenotazione obbligatoria al 320 6486660. 
www.improvvisart.com

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Laboratorio teatro e benessere

    • dal 30 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Centro sociale viale Roma
  • Laboratorio teatro e crescita personale

    • dal 15 ottobre 2020 al 27 maggio 2021
    • We Lab

I più visti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Venerdì Siria: sapori e profumi vegan dal Medio Oriente

    • dal 18 dicembre 2019 al 18 dicembre 2020
    • Agricola Samadhi
  • Inaugurazione della mostra Home Landscape di Level project

    • dal 24 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • ex chiesa di San Francesco della Scarpa
  • La storia di Lecce si racconta attraverso i giornali salentini

    • dal 25 novembre al 25 dicembre 2020
    • Convitto “G. Palmieri”
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento