Mercoledì, 22 Settembre 2021
Eventi

Tetsuro Ban, musiche d'autore provenienti dal Giappone

Originale programma quello proposto dalla nuova produzione dell'Orchestra della Fondazione Tito Schipa, diretta nell'occasione dal giapponese Tetsuro Ban, quarantenne ma già molto affermato in Europa

Ban_Tetsuro_3183

Originale programma quello proposto dalla nuova produzione dell'Orchestra della Fondazione "Tito Schipa", diretta nell'occasione dal giapponese Tetsuro Ban, quarantenne ma già molto affermato anche in Europa (nella stagione 2005-06 è stato anche Direttore Musicale al Theater Eisenach a Thüringen in Germania). In apertura del concerto troviamo la Ballata sinfonica di Akira Ifukube, compositore giapponese scomparso nel 2006, all'età di novantadue anni, autore di pagine sinfoniche e di oltre 200 colonne sonore per il cinema (fra le quali quelle per l'ampia saga di Godzilla). La Ballata sinfonica appartiene alle prime produzioni classiche di Ifukube (è datata 1943) e mostra le matrici chiaramente occidentali che influenzarono lo stile del maestro giapponese, a partire da Stravinskij la cui musica impressionò fortemente il giovane compositore.

Il programma presenta poi due pagine di autori francesi, la prima delle quali, Galliwogg's Cake-walk, è in realtà una trascrizione per orchestra fatta da André Caplet, compositore e direttore francese che, appunto, curò le trascrizioni orchestrali di lavori pianistici di Claude Debussy, quali "Children's corner" (da cui il brano è tratto) e "Pagodes". Galliwogg's Cake-walk è ispirato alla ritmica danza afroamericana del Cake-walk, che l'autore immagina ballata da Galliwogg, una bambina di colore creata dalla letteratura per l'infanzia. La pagina è anche celebre perché in essa vi compare una ironica punta antiwagneriana: la citazione del celebre tema di Tristano che Debussy vuole sarcasticamente eseguito "avec une grande émotion", salvo poi ad alternare ad esso una beffarda successione di accordi staccati. La trascrizione di Caplet (di sedici anni più giovane di Debussy) aggiunge alla efficace e divertita scrittura pianistica gli effetti e le rilucenze della tavolozza orchestrale.


Infine, il concerto si chiude con il celeberrimo "Apprendista stregone", lo "Scherzo sinfonico" ispirato alle ad una ballata di Goethe (l'apprendista che, in assenza del mago, scatena le forze occulte e ne resta travolto, per essere poi salvato, e punito, dal ritorno del mago) che rese celebre il suo autore, Paul Dukas. Straordinaria pagina di strumentazione e orchestrazione, proiettata anche verso soluzioni moderne (l'esatonalismo, la ricca scrittura armonica), per il pubblico contemporaneo (e per i bambini di ieri e di oggi) la musica dell'"Apprendista" è inevitabilmente e simpaticamente legata al più famoso e forse riuscito degli episodi del cartone disneyano "Fantasia". Appuntamento giovedì 2 ottobre, presso il Teatro Politeama, alle 21, ingresso 5 euro. Repliche nei giorni seguenti rispettivamente a Mesagne (Teatro Comunale) e Torre S. Susanna (Teatro Comunale D'Andria), con inizio in entrambe le serate alle 20.30.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tetsuro Ban, musiche d'autore provenienti dal Giappone

LeccePrima è in caricamento