Eventi Gallipoli

Un dj da record, stasera in consolle a testa in giù

Gallipoli, nuovo tentativo dello speaker Stefano Venneri di entrare nel Guinness World con il tentativo del "Dj a Testa in giù" per 25 minuti a 20 metri d'altezza dal grattacielo di Corso Roma

stefano_venneri

GALLIPOLI - Un dj da record tenta un'altra impresa impossibile: una radiocronaca a testa in giù "appeso" al grattacielo di Gallipoli per 25 minuti di fila e a oltre 20 metri di altezza. E' l'ennesima prova da guinness dei primati che il dj alessandrino, ma di origini salentine, Stefano Venneri tenterà di superare questa sera partire dalle 21 nello spazio antistante il Bellavista Club. Un tentativo da record che si associa al progetto messo in piedi della società del Gallipoli Football 1909 del presidente Attilio Caputo, a sostegno dell'iniziativa di solidarietà "Arcobaleno su Tanzania". Una nuova scommessa dunque quella dell'estroso 37enne dj dell'emittente Alessandrina Radio Bbsi, che già annovera il suo nome nel libro dei Guinness World dopo le 183 ore di diretta radiofonica senza dormire e gli 856 abbracci in 21 minuti.

Stefano Venneri è stato invitato dal Gallipoli Football 1909 in Puglia per tentare di battere se stesso in un'impresa davvero pazzesca: imbragato a 20 metri d'altezza e per 25 minuti di diretta a testa in giù con musica e animazione. Un tentativo oltre ogni limite umano. Il precedente record mondiale appartiene allo stesso Venneri (che è anche speaker ufficiale del Torino calcio e dell'Alessandria Rugby) che nel 2009, il 18 aprile per l'esattezza, è entrato ancora nella storia, restando appeso a "Testa in Giù" per 15 minuti e 24 secondi a 20 metri d'altezza facendo il suo lavoro da dj con tanto di consolle. Questo progetto è stato abbinato alla donazione di un impianto audio per i ragazzi diversamente abili dell'Aias.
Di origini salentine come detto (il papà era di Alliste), dj Venneri ha conquistato ad oggi ben cinque primati mondiali, tanto da iscrivere il proprio nome sul Libro del Guinness World di Londra. In ordine cronologico il suo palmares conta: nel 2006, a sostegno dei bambini dell'Ospedaletto di Alessandria, ha conquistato il primato mondiale, parlando per 126 ore alla radio senza dormire (record precedente di un Dj sloveno); nel 2007 ha allungato il primato con 135 ore di diretta senza dormire ai microfoni a sostegno di un progetto della Croce Rossa; nel 2008 è riuscito nell'impresa di abbracciare 865 persone in 21 minuti (primato precedente 766 di una donna americana), sostenendo Telethon e il Canile di Alessandria; sempre nel 2009, mese di maggio, si è ripreso il suo record radiofonico arrivando a parlare per 183 ore al microfono (battendo un dj tedesco fermo a 167 ore). Questi primati sono ad oggi imbattuti.

Il tentativo da record è fissato quindi per questa sera con ospiti, musica e divertimento in attesa della prova mozzafiato. Stefano Venneri sarà imbragato e sistemato a testa in giù appeso ad un cestello che salirà a 20 metri d'altezza affiancando il Bellavista club. A quel punto sarà sistemata una pedana con l'impianto audio per la lunga diretta tra musica, animazione e lettura sms. Il dj nel 2009 aveva stabilito il nuovo primato dopo una lunga serie di visite mediche restando poco piu' di 15 minuti (sotto un diluvio). Dovrà seguire le dure regole del Guinness World, quindi 2 giudici, 2 testimoni, riprese video, fotografo, ambulanza e medici. Lo staff di lavoro del dj formato da dieci persone giungerà direttamente da Alessandria. Per la prima volta quindi una società di calcio potrebbe entrare nella storia mondiale dei Guinness in quanto legata e promotrice di tale evento.

E non finisce qui perché domani, 14 novembre, presso lo stadio Bianco di Gallipoli, prima dell'incontro di calcio tra i giallorossi con il Real Squinzano è in programma "la Grande Festa...di un tentativo", che con dj Venneri è destinato ad entrare nella storia. "Sarà una grande e straordinaria esperienza" dice Stefano Venneri, "la Puglia è una terra straordinaria, la gente di Gallipoli è cordiale e piena di entusiasmo. Ringrazio l'associazione 'il Mio Gallipoli' e tutti coloro che mi danno la possibilità di provare l'ennesima pazzesca impresa. Vinceremo tutti, soprattutto la solidarietà". L'invito a corredo finale è quello di donare un contributo a sostegno del progetto: le eventuali offerte possono essere inviate attraverso i versamenti sul conto corrente postale n°88217245, intestato a "Arcobaleno su Tanzania" - Causale: Costruzione Centro Medico". Il Centro sarà costituito inizialmente dal Laboratorio Analisi, dal Reparto Vaccinazioni e dal Reparto Maternità e Assistenza Neonatale. Insieme ai bambini della Tanzania, l'Associazione punta soprattutto nella generosità, peraltro già nota. L'appello è rivolto a tutte coloro che da ogni parte del mondo vorranno aderire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un dj da record, stasera in consolle a testa in giù

LeccePrima è in caricamento