Martedì, 3 Agosto 2021
Eventi

Workshop easy perception lab

Workshop di chiusura Progetto Easy perception Lab, Living Lab Regione Puglia, presso il MAUS, Museo dell'Ambiente Università del Salento. Il Progetto vede il Partenariato di Agilex, azienda srl, CETMA e Università del Salento.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

WORKSHOP

DEL PROGETTO "EASY PERCEPTION LAB" Integrazione tra realtà Aumentata e Virtuale, Didattica Museale e Neuroscienze Cognitive

Didattica e fruizione museale con tecnologie 3D: si conclude mercoledì 25 giugno 2014 il progetto "Easy Perception Lab" con un workshop di presentazione dei risultati e dei prodotti, ospitato dal MAUS - Museo dell'Ambiente dell'Università del Salento (complesso Ecotekne, via per Monteroni - Lecce) alle ore 10.00.

Parteciperanno, tra gli altri, l'Assessore per lo Sviluppo Economico della Regione Puglia, Loredana Capone, il Direttore Artistico di Lecce 2019 Airan Berg, i funzionari di Innova Puglia, Giovanna Avellis, Gaetano Grasso e Imma Campaniello, il Prorettore dell'Università del Salento, Maria Enrica Frigione e il Delegato del Rettore per l'agenda digitale Luca Mainetti.

Il progetto, nato per sperimentare e realizzare strumenti d'interazione museale per la fruizione di contenuti digitali nell'ambito di processi didattico-educativi, e per sperimentare prototipi tecnologici capaci di aumentare l'interazione esperienziale degli utenti, è vincitore del bando "Living Lab" della Regione Puglia ed è stato realizzato grazie a un partenariato costituito dal DiSteBA con il MAUS (Direzione Scientifica Museale di Genuario Belmonte) e con il laboratorio di Anatomia Umana e Neuroscienze (Responsabile Scientifica di Progetto Sara Invitto) dall'azienda Agilex Srl (settore web application e Augmented Reality; direzione di Dario Turco), dal Laboratorio di Ricerca Consorzio CETMA (settore Virtual Reality and Augmented Reality; responsabile di progetto Italo Spada).

Dal 25 giugno saranno fruibili presso il MAUS i "prodotti" finali del progetto: alcuni video in Realtà Virtuale sul Plancton con movimento interattivo, un video interattivo di Realtà Aumentata con un Tarbosauro baatar, un sito web con schede paleontologiche sistematiche di reperti presenti all'interno del Museo e georeferenziazione delle stesse per le località di ritrovamento dei fossili.

È stata inoltre condotta una sperimentazione sulle interfacce AR (Augmented Reality) e VR (Virtual Reality), attraverso la registrazione di variabili psicofisiologiche (Event Related Potentials and Galvanik Skin Responce) basata sui presupposti teorici all'ergonomia percettiva, utilizzando test percettivi e di usabilità che hanno coinvolto studenti delle Facoltà di Lettere e Filosofia, Lingue e Beni Culturali, di Scienze della Formazione, Scienze Politiche e Sociali e di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell'Ateneo. I risultati di progetto, già presentati a congressi nazionali e internazionali, hanno evidenziato che durante la presentazione in VR o durante una presentazione immersiva nel contesto di apprendimento gli utenti mettono in atto un processo percettivo più lento ma più "attivante" a livello motivazionale ed emozionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Workshop easy perception lab

LeccePrima è in caricamento