rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Arte e cultura / via degli Ammirati, 11

Natura e immaginario: al Must la mostra “Yuval Avital. Bosco di Lecce”

La suggestiva esposizione dell’artista curata da Lorenzo Madaro sarà visitabile dal 19 novembre fino al 4 febbraio 2024: sabato prossimo l’inaugurazione

LECCE - Dal 19 novembre 2023 al 4 febbraio 2024 apre al pubblico al MUST – Museo Storico della città di Lecce la mostra Yuval Avital. Bosco di Lecce, atto conclusivo di un progetto di arte relazionale complesso e articolato, promosso dal Comune di Lecce – Assessorato alla Cultura, MUST – Museo Storico della città di Lecce, sostenuto e finanziato da Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese, Polo Biblio-museale di Lecce – che l’ha inserito all’interno della sua ampia progettualità dedicata al contemporaneo e al dialogo con la città, con le sue istituzioni e il mondo dell’associazionismo, mettendo a disposizione del progetto le proprie risorse umane, tra cui la curatela e l’identità visiva – concepito in collaborazione con Fondazione Biscozzi | Rimbaud.

Per Luigi De Luca, direttore dei Poli Biblio-museali della Regione Puglia, “Il Bosco di Lecce è frutto di una progettualità complessa in grado di pensare all’arte contemporanea come a un vero e proprio lessico di comunità, lontano dall’autoreferenzialità e vicino invece alla temperatura emotiva di un contesto, Lecce e le sue associazioni, Lecce e i luoghi della cultura, ma anche le periferie e i suoi spazi misconosciuti ai più. Yuval Avital con questo progetto ha ribadito, ancora una volta, che l’arte è il presupposto per instaurare delle connessioni profonde, quanto mai necessarie”.

“Il Must, il museo della città, diventa così uno spazio di restituzione di una esperienza unica, che ha visto Yuval Avital per oltre un mese attivo nelle viscere di Lecce, a stretto contatto con i suoi luoghi e la sua comunità, per concepire dipinti, sculture e performance. Sono opere nate qui, ispirate dal Bosco di Lecce che è un paesaggio che include tutto: natura, esperienze, sensibilità, sguardi, attitudini e prospettive di una comunità intera in profonda metamorfosi. Sarà quindi una mostra inedita, totalmente prodotta qui, immersa nel genius loci di Lecce”, dichiara Fabiana Cicirillo, assessore alla cultura del Comune di Lecce.

Con il progetto Bosco di Lecce, curato da Lorenzo Madaro (Polo Biblio-museale di Lecce) e il coordinamento di Federica Tornese, Yuval Avital si è messo in dialogo con Lecce in un processo di creazione collettiva, di performance, riti d’arte, composizioni materiche e opere concepite insieme alla cittadinanza e agli artigiani, trasformando idealmente gli abitanti del capoluogo pugliese in alberi e la città in un bosco umano, per cercare di ridurre il crescente divario tra uomo e natura.

Il coinvolgimento di istituzioni, maestranze locali, comunità e individui in dialogo con l’artista, ha creato una monografia unanime in cui ogni partecipante è co-creatore e attivatore di messaggi veicolati attraverso un’esperienza immersiva e multimediale che rispecchia l’intera città.

Nelle sale del MUST Bosco di Lecce sarà allestita come un’unica grande installazione immersiva che renderà conto di tutta l’azione artistica condivisa, in cui la coralità dei partecipanti e la molteplicità dei linguaggi si fondono in una stratificazione di esperienze.

Saranno esposte numerose grandi tele (alcune oltre i quattro metri), realizzate dall’artista durante la residenza di più di un mese nell’ex chiesa di San Giovanni di Dio, messa a disposizione dal Comune di Lecce come atelier aperto anche alla comunità.

Si tratta di tele in cui Avital è riuscito a coniugare gli afflati istintuali del proprio lavoro con una ricerca intima ed espressiva sul tema della natura, in particolare del bosco – immaginario e umano. Corpi antropomorfi, brandelli di paesaggi reali o inventati, e poi segni e tracce che si rivelano nel loro afflato primordiale, costituiscono un arcipelago di segni che si inseguono e si sovrappongono sulle grandi superfici dipinte.

I dipinti e una sorta di diario/taccuino visivo realizzati dall’artista diventano vere e proprie partiture per la creazione tridimensionale.

In mostra saranno presentate trenta sculture realizzare dall’artista sempre durante la sua residenza in città, alcune delle quali in dialogo con gli artigiani locali – cartapestai, ceramisti, fabbri, mosaicisti, ricamatori – costituendo nuove fisiognomiche e nuovi abitanti di questo ideale bosco.

L’ascensione degli imponenti uomini-albero con anima in ferro e intreccio in giunco si contrappone al radicamento e al fardello delle sculture in gesso e cartapesta. Ceramiche, raffiguranti figure femminili rigogliose di foglie, sono come ex-voto alla natura.

Verranno testimoniate, attraverso video-installazioni e fotografie, le performance realizzate in vari luoghi di Lecce e incontri tra artista e cittadinanza.

Sono circa duecento i cittadini coinvolti in performance e riti d’arte con cui l’artista ha lavorato utilizzando semplici esercizi di voce e gesto in una riflessione profonda e intima sul proprio vissuto.

Sedici le performance “radici” realizzate con piccoli nuclei, spesso con singoli, in luoghi a loro cari; dalla cucina di casa al luogo di lavoro, uniti dall’interazione con un piccolo cumulo di terra leccese in cui i partecipanti hanno immerso i loro arti.

Quattro invece gli appuntamenti dedicati alla performance “boschi” volutamente realizzati in zone periferiche delle città: il quartiere 167, il bosco bruciato di San Cataldo, il giardino della comunità Emmanuel, che da anni offre accoglienza a chi ne ha più bisogno, e le Tagliatelle, nuovo centro culturale aperto nei pressi della cava da cui veniva estratta la pietra leccese utilizzata per la costruzione degli edifici della città. Durante questi appuntamenti, attraverso l’utilizzo di rami di alberi autoctoni salentini, i partecipanti si sono trasformati in alberi divenendo parte di un bosco grazie alla condivisione e la relazione con l’altro.

È in programma la pubblicazione di un catalogo-diario delle attività svolte dall’artista con testi del curatore e di quanti hanno contribuito al progetto e un denso repertorio di immagini.

SCHEDA INFORMATIVA

Mostra: Yuval Avital. Bosco di Lecce

Curatore: Lorenzo Madaro

Sede: MUST – Museo Storico della città di Lecce, Ex Convento di Santa Chiara, via degli Ammirati 11, Lecce

Inaugurazione: sabato 18 novembre 2023, ore 18.00

Apertura al pubblico: 19 novembre 2023 – 31 gennaio 2024

Info: Tel. 0832.241067 | www.mustlecce.it |mail info e prenotazioni: biglietteria@mustlecce.it

Orari: dal martedì al giovedì, dalle 9.00 alle 19.00; dal venerdì alla domenica, dalle 9.00 alle 20.00

Chiuso il lunedì.

Biglietti: intero € 5,50, ridotto a € 3,50 (per studenti, insegnanti, guide turistiche e over 65) ingresso gratuito per bambini fino a 10 anni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natura e immaginario: al Must la mostra “Yuval Avital. Bosco di Lecce”

LeccePrima è in caricamento