Lecce, l’European radon day al “G. Deledda”

Si svolgerà giovedì 7 novembre, nell’auditorium dell’Istituto tecnico dalle 9.45, la giornata internazionale dedicata alla scoperta scientifica di Marie Sklodowska-Curie, attraverso un confronto tra docenti universitari, professionisti del settore e studenti

LECCE- Il 7 novembre, giornata ufficiale europea dedicata al radon - European Radon Day, scelta perché coincide con la nascita della scienziata Marie Sklodowska-Curie, gli studenti dell’I.t. “G. Deledda” si confronteranno in auditorium con docenti universitari e professionisti del settore radioprotezione. Interverranno:

  • Fabio Bossi – Direttore dell’Infn sezione Lecce
  • Maria Luisa De Giorgi –Docente Unisalento
  • Andrea Ventura- Docente Unisalento
  • Claudio Cazzato- Esperto in Fisica Sanitaria – Esperto qualificato di III°

Ci sarà un collegamento Skype con le sezioni Infn-RadioLab di tutta Italia e i ragazzi saluteranno i compagni che insieme a loro hanno partecipato all’EtnaRadioLab Summer School.

La giornata si colloca nel Progetto Pls Fisica e progetto Radiolab terza mission dell’Infn, Istituto nazionale di fisica nucleare: dissemination. 

Nasce con l’obiettivo di fornire all’ Infn uno strumento da utilizzare a livello istituzionale per la comunicazione scientifica, in particolare sui temi di radioattività ambientale. Il progetto fa riferimento a un’azione efficace di diffusione della cultura scientifica, e in particolare della fisica nucleare, attraverso il coinvolgimento di studenti delle scuole superiori in misure di radioattività ambientale. In esso comunicazione scientifica, didattica e ricerca scientifica si integrano mettendo in atto azioni di orientamento formativo mediante un processo che ricalca le fasi attraverso cui evolve un lavoro di ricerca. La modalità di attuazione porta altresì alla divulgazione degli argomenti di radioattività ambientale anche fuori dell’ambiente scolastico. La consapevolezza della presenza di una radioattività ambientale di origine naturale fa sì che gli studenti, i loro docenti e le loro famiglie prendano confidenza con queste tematiche e la loro partecipazione permette anche di condurre attività di monitoring di radon indoor e di radionuclidi in ambiente, sia di origine naturale che antropica.

La strategia adottata nel progetto Nazionale Radiolab Infn privilegia principalmente:

  •  Il coinvolgimento diretto degli studenti in attività laboratoriali
  •  Il livello nazionale dell’iniziativa, che permette un confronto fra contesti diversi
  •  Il carattere interdisciplinare, che vede una sinergia fra discipline affini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’istituto “Enrico Fermi”: storia di una scuola di successo e professionalità

  • Casarano, donate tavolette grafiche agli studenti del “Meucci”

  • Servizio civile, aperte selezioni nuovi volontari

Torna su
LeccePrima è in caricamento