menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Asta di ferro conficcata nel collo: soccorsa una tartaruga Caretta caretta

L’esemplare recuperato da un sub e un pescatore a Torre Vado dopo l’allarme lanciato dalla capitaneria di porto di Gallipoli

MORCIANO DI LEUCA- Aveva un’asta di ferro conficcata nel collo che le impediva i naturali movimenti: una caretta caretta è stata soccorsa da un sub e da un pescatore nelle acque di Torre Vado, all’ingresso del porticciolo. A lanciare l’allarme della tartaruga in difficoltà, la capitaneria del porto di Gallipoli che ha contattato gli operatori del Centro recupero tartarughe marine di Calimera, impegnati nel presidio dei nidi di tartaruga marina in schiusa a Torre San Giovanni.

L’esemplare è stato recuperato grazie al lavoro di squadra di un sub amatoriale e di un pescatore e, dopo l’intervento dei medici dell’Asl area C Lecce sud, è stato trasferito presso il centro di recupero tartarughe marine di Calimera dalla polizia locale di Morciano di Leuca.

Video | Il soccoro al povero esemplare ferito

La tartaruga sarà a breve sottoposta a indagini radiografiche che chiariranno quale sia la natura del corpo estraneo. A conclusione delle indagini radiografiche la tartaruga sarà sottoposta a intervento chirurgico per la rimozione del corpo estraneo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento