Martedì, 28 Settembre 2021
Green

Ciclo turismo e immondizia: “Lavoriamo per nascondere il brutto. Di bello rimane poco”

LeccePrima.it ha dato voce a Marco Ferriero, tour operator a Lecce da 15 anni, che in sella alla propria bici accompagna i turisti alla scoperta delle bellezze paesaggistiche

LECCE- “Non lavoriamo più per mostrare il bello, ma per nascondere il brutto. E, spesso, diviene anche difficile”: a parlare è il tour operator Marco Ferriero che da 15 anni sale in sella alla propria bici per accompagnare i turisti in escursioni e tour alla scoperta delle bellezze paesaggistiche salentine.

Lo fa attraverso Slow Active Tours proponendo con passione e dedizione i viaggi in Puglia, ma anche in Basilicata, Sicilia e Campania: vacanze in bicicletta, percorsi di trekking/walking, viaggi culturali e attività “acquatiche” nel mare del Sud Italia.

Ma Marco Ferriero, sul finire dell’estate e nel ricordo dello spot “Storia d’amore” lanciato a giugno da Pugliapromozione, anche al primo posto nella classifica stilata dagli esperti di comunicazione, tira le somme: “Basta spostarsi nelle campagne per notare sacchi di immondizia, ruote di macchine. E pensare che Pugliapromozione sta puntando sull’eco turismo. Sì, ma sulla carta. La gente non ha cultura ambientale, ormai è tutto degradato, si getta qualsiasi cosa dal finestrino”.

Nelle foto mostrate nella gallery ci sono i muretti a secco divenuti discariche a cielo aperto, cartocci del Mc Donald’s, bicchieri di carta, lattine delle varie bevande, pneumatici, cassette di legno e bottiglie di plastica (tante, tantissime) che sono bruciate in un’estate 2021 di fuoco, che ha mietuto ettari ed ettari di macchia mediterranea ed esseri viventi del sottobosco.

“Gli incendi, poi, hanno fatto emergere tutte le bottiglie di vetro gettate qua e là che hanno sostituito il verde brillante dei nostri ulivi morti a causa della xylella” dice Marco Ferriero che, con fatica, ha cercato il bello nei tour. 'Ma, scusami, tu hai fatto mai questi itinerari?' si è sentito ironicamente dire il tour operator imbarazzato nel raccontare una situazione di emergenza rifiuti che si trascina da decenni. 'Sì, certo, li conosco. È il paesaggio, ormai, a essere deturpato'.

Marco Ferriero, durante l’estate, ha ricevuto un sacco di lamentele dai turisti che gli hanno detto 'Bei punti di arrivo, ma nel mezzo non c’è niente. Tutti inquinati' e con fatica ha dovuto studiare dei percorsi alternativi percorribili: ovunque tentasse, ha trovato discariche a cielo aperto.

“Penso ai miei figli che vivono in quest’ambiente e penso che le istituzioni debbano compiere un lavoro lungimirante di tutela ambientale, valorizzando l’entroterra affinché il turista possa vivere davvero una bella esperienza”, dice ancora Marco Ferriero preparandosi per il turista in arrivo dall’Olanda e sperando di non dover faticare a nascondere il brutto sul nuovo itinerario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclo turismo e immondizia: “Lavoriamo per nascondere il brutto. Di bello rimane poco”

LeccePrima è in caricamento