rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Domenica 22 maggio

Dopo lo stop per la pandemia, rifioriscono i “Cortili Aperti”

La manifestazione, giunta alla 27esima edizione, interessa una trentina tra dimore private ed edifici storici del centro di Lecce. Previsti concerti, coreografie, laboratori

LECCE – Dopo lo stop imposto per due anni dalla pandemia, dimore private e edifici pubblici del centro storico di Lecce torneranno ad aprire le porte – dalle 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 20.30 - per accogliere i visitatori: domenica 22 maggio si celebra a Lecce “Cortili Aperti”, manifestazione a cura della sezione pugliese dell’Associazione Dimore Storiche Italiane (Adsi) giunta alla 27esima edizione.

La conferenza stampa di presentazione si è tenuta presso il Museo Storico della Città di Lecce (Must) con la partecipazione dell’assessora alla Cultura, Fabiana Cicirillo, dell’assessore a Turismo e Spettacolo, Paolo Foresio, del presidente regionale di Adsi, Piero Consiglio e dei referenti per Lecce, Rossella Galante Arditi di Castelvetere e Giuseppe Seracca Guerrieri.  

Il Comune di Lecce partecipa all’evento con l’apertura del convento degli Agostiniani, del chiostro dei Teatini, del chiostro nord del Must, del giardino di Palazzo Giaconia, della Chiesetta di San Giovanni di Dio (Istituto Margherita di Savoia), mentre la Provincia di Lecce con Palazzo Adorno e l’ex Convento dei Gesuiti (successivamente Circolo Cittadino, in via Rubichi).

Alcuni studenti saranno protagonisti di concerti, coreografie, laboratori d’arte e altri vestiranno i panni del cicerone, anche in lingua straniera. Il programma completo è quello di seguito allegato.

Consulta il Programma_Cortili_Aperti2022

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo lo stop per la pandemia, rifioriscono i “Cortili Aperti”

LeccePrima è in caricamento