Ricostruire le filiere di cereali: a Castiglione d’Otranto un incontro nazionale

Si intitola Filigrane l’evento annuale di scambio sul tema delle filiere cerealicole. Venerdì primo e sabato 2 marzo l’appuntamento

Semi di cereali.

CASTIGLIONE D?OTRANTO (Andrano) – Ricostruire le filiere di cereali, dai campi alla tavola, riorganizzando la produzione, la trasformazione, la distribuzione. Per innovare l’economia contadina e garantire a tutti un equo accesso al cibo sano. A Castiglione d’Otranto venerdì 1 e sabato 2 marzo si terrà la nuova edizione di Filigrane, evento annuale e nazionale di confronto e scambio sul tema delle filiere cerealicole. E’ organizzato da Rete Semi Rurali, in collaborazione con Casa delle Agriculture, Associazione Marina Serra e i progetti europei Cerere e Diversifood, oltre al programma Risorse genetiche vegetali/Fao del Ministero delle Politiche agricole.

Coltivatori di cereali antichi, mugnai, fornai, gruppi di acquisto, botteghe: sono in crescita le esperienze virtuose legate alla filiera nelle regioni meridionali ed è utile e necessario che gli incontri per la costruzione di buone pratiche riescano a raggiungere e coinvolgere gli attori. Punta a questo la due giorni a Castiglione d’Otranto, dove l’associazione Casa delle Agriculture Tullia e Gino e l’omonima cooperativa da anni coltivano farro, grani, orzo, miscuglio di cereali su terre sottratte all’abbandono e dove il prossimo 31 marzo sarà inaugurato il primo mulino di comunità d’Italia, centro di trasformazione di qualità dei cereali e dei legumi. Non una realtà isolata, ma legata a decine di associazioni, società agricole e contadini del territorio e, in particolare della Rete Salento km0.

Presso la ex scuola elementare del paese, venerdì pomeriggio e sabato mattina verranno affrontati i temi della riproduzione e del miglioramento delle vecchie varietà di cereali come pratica quotidiana condivisa; si discuterà di selezione, pulizia e stoccaggio dei raccolti; ci si confronterà su trasformazione e commercializzazione, sulla sostenibilità economica ed ambientale dei processi cerealicoli. Verranno condivisi i percorsi di costituzione delle popolazione evolutive di frumento duro e tenero, le opportunità, i problemi organizzativi e fitosanitari legati alla scelta di abbandonare le varietà convenzionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento