Salvato da una morte certa un raro stercorario mezzano in difficoltà

E’ il settimo esemplare avvistato in Puglia e il primo e unico, finora, in provincia di Lecce. L'uccello marino è arrivato il 21 gennaio scorso presso l'osservatorio faunistico del museo di Calimera con ferite e infezioni. Oggi, dopo un mese, può dirsi ormai prossimo al ritorno in libertà

CALIMERA – E’ il settimo esemplare avvistato in Puglia e il primo e unico, finora, in provincia di Lecce. E rischiava – è il caso di dire - di lasciarci le penne. Si tratta, infatti, di uno stercorario mezzano, un uccello molto raro a queste latitudini. Più facile vederlo in lande del profondo Nord Europa. Ora può dirsi ormai in salvo e prossimo al ritorno nei cieli. A salvarlo da morte certa sono stati gli operatori del centro recupero fauna dell'Osservatorio faunistico provinciale, presso il Museo di Calimera, che gli hanno somministrato un mese di cure.

In inverno il centro viene contattato spesso per animali acquatici in difficoltà, di solito tartarughe marine, gabbiani, aironi o cormorani. Ma il 21 gennaio scorso, un militare della guardia costiera fuori servizio, Davide Marullo aveva recuperato quell’uccello di difficile classificazione, se non a un occhio esperto, dopo un avvistamento sulla costa adriatica. Condotto nel centro, solo grazie alla consulenza del direttore dell’oasi WWF “Le Cesine”, Cristiano Liuzzi, si era scoperto essere uno stercorario mezzano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diverse le patologie: zoppia alla zampa sinistra, una brutta enterite, forte dimagrimento (non superava i 400 grammi di peso) e problemi a entrambi gli occhi. Nei primi giorni le sue condizioni sono state stabilizzate, dato che non riusciva a mangiare da solo. Poi, raccontano dal centro, la sua natura opportunistica ha preso il sopravvento e dopo appena qualche giorno, ha ricominciato a darsi alla pazza gioia, con quindici pesci per pasto. E tutto da solo. Oggi, finalmente, le sue condizioni sono notevolmente migliorate. Pesa 680 grammi, zoppia ed enterite sono sparite, l’infezione agli occhi guarirà presto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento