menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Rivoluzione verde nel Salento per abbattere la Co2: in arrivo 55 milioni di euro

Riguarderà 25 comuni, soprattutto della provincia di Lecce, uniti nel “Consortium Grows”. Campi Salentina capofila

CAMPI SALENTINA – Il Salento sempre più “al verde”: in arrivo 55 milioni di euro per riqualificare i comuni del Tacco. Aumentare il risparmio energetico e la produzione di energia da fonti rinnovabili in edifici e strutture di proprietà degli enti; ?garantire l'ottimizzazione delle fonti di energia rinnovabile sul territorio; ?efficientare la pubblica illuminazione; ?ridurre le emissioni di Co2 attraverso l’efficientamento di edifici e servizi pubblici e l’organizzazione della mobilità e, infine, favorire partnership pubblico-privato nel territorio dei comuni appartenenti al “Consortium Grows”.

Dopo le polemiche degli ultimi mesi, relative al degrado in cui versano diversi istituti scolastici, potrebbero fioccare alcune soluzioni. Il mastodontico progetto, che sarà presentato nel pomeriggio di oggi a Campi Salentina e di cui vi forniamo un’anteprima, riguarderà 25 comuni delle province di Lecce, Brindisi e Taranto (ma la “favorita” è di gran lunga la prima), tutti partner di una iniziativa denominata, appunto, Consortium Grows. I paesi salentini hanno ottenuto l’approvazione del progetto Green revolution of wealth in Salento” (Rivoluzione verde per la ricchezza del Salento) e l’acronimo Grows sta ad indicare la “crescita” dal punto di vista economico e sociale.

Il “Consortium Grows”, che ha come comune capofila quello di Campi Salentina (per primo ha promosso la partecipazione all’iniziativa “Elena” tra i comuni del nord Salento e ha da sempre l’attenzione sul tema  ambiente. Oltre ad essere iscritto al Patto dei sindaci dal 2010, il paese è anche aderente al Major Adapt dal 2014), beneficerà del programma di assistenza tecnica e finanziaria “E.l.e.n.a.” (European local energy assistance) attivato dalla Commissione europea in collaborazione con la Banca europea per gli investimenti.

Il programma d'investimento

Sono inoltre previsti dei cofinanziamenti del FESRR. Anche delle eventuali somme sovvenzionate a livello nazionale potranno essere agli interventi di efficientamento degli edifici pubblici. Il maxi finanziamento erogato riguarderà l’efficientamento energetico delle strutture pubbliche, fino al raggiungimento del livello Nzeb (near zero energy buildings), a bassissimo impatto ambientale, e all’efficientamento dell’illuminazione pubblica finalizzati al risparmio energetico e all’abbassamento delle emissioni di Co2, come stabilito dai criteri di Europa 2020. A rientrare nel progetto: Arnesano, Campi Salentina, Carmiano, Castri di Lecce, Cellino San Marco, Copertino, Galatone, Guagnano, Galatone, Gallipoli, Leverano, Lizzanello, Manduria, Maruggio, Morciano di Leuca, Nardò, Novoli, Salice Salentino, Sannicola, San Donaci, Squinzano, Surbo, Trepuzzi, Tuglie, Ugento e Veglie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento