Nidi di caretta caretta nelle spiagge salentine: arrivano i droni a monitorarli

Nell’impegno sinergico delle aree marine protette di Porto Cesareo e Torre Guaceto, gli uomini guidati dal faunista Giacomo Marzano tuteleranno le tartarughe dall'alto

PORTO CESAREO - Le Aree marine protette, in quanto istituzioni nazionali sin dallo loro istituzione svolgono un ruolo cardine nella gestione delle tartarughe marine nell’ambito dei territori di competenza, anche e soprattutto perché sono Enti in grado di coordinare ed effettuare attività di ricerca e monitoraggio. Proprio in tale contesto l’Amp Porto Cesareo (Lecce) e la Riserva nazionale di Torre Guaceto (Brindisi) hanno aderito al piano nazionale per la conservazione delle tartarughe marine ed attuato numerosi protocolli e progetti ed iniziative per la loro tutela ediffusione delle buone pratiche per la loro protezione.

due-3-3

Come sarà facile immaginare, le operazioni di preparazione, sistemazione epulizia delle spiagge, che anticipano ogni stagione estiva, possonorappresentare una minaccia per le eventuali nidificazioni di Caretta caretta. Per tale motivo la Regione Puglia nelle “Linee guida” per la manutenzionestagionale delle spiagge, ha inteso delineare le opportune istruzioni operativeper le operazioni di pulizia della spiaggia al fine di salvaguardare l’eventuale esistenza di nidi sugli arenili dei litorali costieri.

torre la-2

L’Area marina protetta Porto Cesareo, come sopra detto, in sinergia con l’Area marina protetta Torre Guaceto e grazie al supporto professionale del biologo faunista Giacomo Marzano, proprio in questi giorni, ha redatto un piano particolareggiato di monitoraggio delle coste sabbiose con il fine di identificare tracce riconducibili ad una nidificazione di Caretta caretta, un intenso e particolare lavoro che ha previsto anche l’impiego di droni. Gli operatori  dell’Amp Porto Cesareo e di Torre Guaceto, piloti Apr in scenari standard ed in scenari critici, nei prossimi giorni continueranno il loro sorvolo delle spiagge e  dei litorali. Un’attività che si sviluppa all’alba, prima  dei bagnanti, ed utile e necessaria a scorgere eventuali segnalati riconducibili ad una nidificazione magari avvenuta nella nottata. Il tele rilevamento mediante l’impiego di speciali droni infatti si sta dimostrando molto utile per identificare fenomeni che agiscono su scala ridotta e supportare ed implementare le misure di tutela.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento