Sabato, 19 Giugno 2021
Green

Nuove opportunità con l’avioturismo. Pronta la firma del protocollo

Dopo le rotte in idrovolante con la Grecia, Gallipoli e Nardò saranno inseriti tra le basi per il turismo con aerei leggeri e da diporto

GALLIPOLI/NARDO’ - Le nuore rotte del turismo si tracciano ancora una volta sorvolando i cieli e solcando i mari dei litorali di Gallipoli e Nardò. Le due cittadine del versante ionico, a pochi giorni dalla notizia del finanziamento con circa 3 milioni di euro  grazie alle risorse del programma di cooperazione Interreg per collegare in idrovolante Salento e Grecia grazie alla partnership con Taranto, Gallipoli e Corfù, entrano a far parte pregnante del circuito dell’avioturismo italiano accanto alle località di Lovere, Costa Volpino e San Benedetto del Tronto.

La Puglia e il Salento in particolare rientrano nell’asse del progetto pilota che coinvolge anche le regioni di Lombardia e Marche per creare in Italia un polo avio-turistico europeo. L’idea parte su iniziativa dell’Aviazione Marittima Italiana che in collaborazione con l’Avioresort Caroli Hotels, l’Università Popolare del Mediterraneo, l’Aeroclub Aquile Fermano, la Scuola Italiana Volo, il Centro Volo Nord, intende consolidare rapporti di partenariato con le cittadine turistiche di Lovere, Costa Volpino, San Benedetto del Tronto, Gallipoli e Nardò, per realizzare il progetto Avioresort e Idrobasi d’Italia e riproporre il fascino del Grand Tour Avioturistico d’Italia.

Gli obiettivi primari che l’Aviazione Marittima Italiana intende centrare assieme ai Comuni e agli altri enti coinvolti sono indirizzati verso la promozione fattiva dei territori, stimolando l’interesse dei flussi avioturistici e attraendone dei nuovi, creando, ampliando e implementando il sistema produttivo enogastronomico ed economico locale. Ciò grazie a una serie di iniziative concrete come la stampa di brochure dedicate al Grand Tour dell’Avioturismo d’Italia, l’istituzione di un trofeo challenge per idrovolanti, la presenza con stand espositivi in fiere turistiche, nautiche, aeronautiche, l’apertura di info point nelle cinque località di Lovere, Costa Volpino, San Benedetto del Tronto, Gallipoli e Nardò, l’avvio di progetti di promozione e comunicazione turistica nei circoli e nelle scuole di volo e cela, l’editing di una web tv. Ma non finisce qui, visto che il circuito avio turistico promuove anche l’introduzione di un asse di pagamento con carte di fidelizzazione, l’istituzione di progetti di cooperazione con gli istituti professionali alberghieri, nautici ed aeronautici, la redazione di progetti di interscambio con gli artigiani, le aziende enogastronomiche, i gruppi musicali, gli artisti, l’attivazione di un portale internet, l’organizzazione di incontri istituzionali periodici itineranti per la programmazione di attività in comune aperti agli operatori turistici. Una sorta di grande ventaglio di opportunità e sinergie che possono rappresentare un’opportunità concreta per il Salento e per i territorio contigui di Nardò e Gallipoli, che rientrano così in un prestigioso e inedito circuito turistico che interessa migliaia di persone, come dimostrano i flussi collaudati di basi avio turistiche importanti come Lovere e Fermo.

I vari aspetti tecnici e le opportunità tangibili di sviluppo turistico e promozionale del territorio saranno analizzati nel pomeriggio di domani in una tavola rotonda in programma presso il Club Bellavista della città bella, alla quale prenderanno parte, oltre ai sindaci di Nardò e Gallipoli, Pippi Mellone e Stefano Minerva, e al presidente di Aviazione Marittima Italiana, Orazio Frigino, anche il sindaco di Lovere (Bergamo) Giovanni Guizzetti, il responsabile della promozione turistica della Provincia di Bergamo, Giuseppe Venuti, il presidente del Centro Volo Nord, Gianni Bonafini, il presidente della Scuola Italiana Volo, Graziano Mazzolari (aeroclub di Cremona), il presidente dell’Università Popolare del Mediterraneo, Cesare Rossi (delegato dalla Camera di Commercio di Ascoli Piceno), il presidente dell’unione montana dei Monti azzurri, Giampiero Feliciotti, il presidente dell’Aeroclub Aquile del Fermano, Luigi Marangoni, il vicesindaco di San Benedetto del Tronto, Andrea Assenti. Al termine dei lavori sarà firmato anche un protocollo d’intesa, stilato da Francesco Basile, avvocato dell’Aviazione Marittima Italiana e portavoce del partenariato con autorità ed enti greci, che consentirà di formalizzare la cooperazione ai fini della realizzazione del progetto Avioresort e Idrobasi d’Italia che sarà poi presentato ufficialmente in un incontro con la stampa in programma per domenica mattina.              

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove opportunità con l’avioturismo. Pronta la firma del protocollo

LeccePrima è in caricamento