Olivo secco come albero di Natale: al posto delle palline, addobbato con pesticidi

L’iniziativa nella villa comunale di Martano dove, nelle ultime ore, è stato “addobbato” uno speciale albero, come simbolo della lotta contro l’uso della chimica in agricoltura

L'albero allestito a Martano.

MARTANO- Un olivo secco come albero di Natale: è stato allestito nella giornata di lunedì, a Martano, all’interno della villa comunale. Un simbolo speciale che rappresenta la lotta contro l’uso della chimica in natura e sui suoi effetti nocivi. Il grande protagonista di questi giorni di festa è l’albero di Natale, che simboleggia il rinnovarsi della vita, nel mondo pagano come in quello cristiano. Nel comune grico, però, è stata fatta una scelta differente, è stato infatti scelto un albero affetto da disseccamento, dai cui rami non pendono palline colorate ma confezioni di pesticidi. Proprio come l’abete, anche quello di olivo è un sempreverde, ma nel Salento ormai da qualche anno le foglie verdi e le chiome rigogliose degli ulivi restano solo un ricordo, pieno di rammarico.

All’iniziativa dell’Associazione Spazi Popolari, hanno aderito le associazioni “Bianca Guidetti Serra”, Terra e libertà, e Isde – associazione medici per l’ambiente. “L’albero è una provocazione – ha spiegato Ivano Gioffreda, presidente di Spazi popolari – per attirare l’attenzione della comunità sul disseccando degli ulivi dovuto all’utilizzo dei pesticidi”.

“Di cosa si è nutrito negli ultimi cinquant’anni quell’albero? – prosegue Gioffreda – Di diserbanti, di insetticidi, di fungicidi, si è nutrito di chimica. Lo confermano le analisi chimiche e microbiologiche effettuate sui terreni, dalle quali emerge che la flora batterica degli stessi è stata completamente distrutta. Una stampa unidirezionale ha instillato nella mente della popolazione salentina che la colpa del disseccamento degli ulivi è stata esclusivamente del batterio Xylella, ignorando l’allarme dei medici, e i dati emersi da analisi scientifiche che mostravano chiaramente la situazione del suolo. Quando un organismo vivente ha le difese immunitarie scarse, in questo caso a zero, ogni patogeno può mettere a rischio la salute della pianta.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Il virus avanza in Puglia, Lopalco: “Si delinea uno scenario preoccupante”

  • Impatto micidiale, sette coinvolti: ragazza in codice rosso per dinamica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento