menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appello agli agronomi per salvare la Phytolacca di viale Marconi

Il grande albero risente in maniera tangibile delle infiltrazioni dalle tubature. E' una sorta di monumento naturale, ha circa 150 anni

LECCE – Non è una quercia vallonea, nè un ulivo secolare, ma anche lei si porta dietro molti anni di storia, circa 150. E’ l'albero del genere Phytolacca di viale Marconi, poco prima dell’intersezione con viale Otranto e via Cavallotti.

Negli ultimi mesi la robusta pianta non se la sta passando bene a causa di un eccesso di acqua dovuto alle infiltrazioni dalla condotta dell’acquedotto. La questione è stata segnalata un paio di settimane addietro da un commerciante ambulante di piazza Libertini ed è nota a chi di dovere, ma non è stato ancora realizzato alcun intervento.

Con il passare del tempo, però, le condizioni dell’albero - che è spesso oggetto di fotografie da parte dei turisti che si trovano a passare da quelle parti oltre che uno spettacolo insolito per i più piccoli, abituati in città ad alberi di dimensioni più contenute - potrebbero compromettersi definitivamente.

Per Lecce Città Pubblica si tratta di un monumento naturale della città, di una testimonianza storica per salvare la quale l'associazione sollecita l’intervento volontario degli agronomi a sostegno degli operatori del Comune di Lecce. Altre piante di Phytolacca hanno dimora in piazza Ludovico Ariosto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento