Ss 274: in italiano e in inglese il cartello che incita al rispetto dell'ambiente

Singolare iniziativa, all'altezza di Taviano e Melissano per arginare l'odioso fenomeno dell'abbandono di rifiuti sulle piazzole di sosta

Uno dei cartelli prima della rimozione.

TAVIANO - Non è raro, in provincia di Lecce, vedere comuli di rifiuti sulle piazzole di sosta strade a scorrimento veloce. Si tratta di abbandoni frequenti, a macchia d'olio, da parte di incivili che approfittano spesso del buio per liberarsi di materiale di vario tipo non smaltito correttamente. Di recente la Provincia di Lecce ha attuato un programma di interventi di rimozione, ma il sistema viario è così articolato che non c'è giorno che passi senza incappare in una "cartolina dello scempio". 

Per fortuna c'è che non si arrende e cerca di fare qualcosa: così è avvenuto lungo la 274, dove due cartelli sono stati appesi al guardarail con la preghiera di avere un briciolo di rispetto in più per un Salento pulito. La particolarità è che l'invito è stato rivolto sia in italiano che inglese perché i cartelli sono stati sistemati su due banchine nei due sensi di marcia. "I dreamed of a clean Salento with a little more respect".  

Dopo qualche ora i cartelli sono stati rimossi, probabilmente perché potevano rappresentare un'occasione di distrazione per i conducenti in un punto peraltro sensibile dal punto di vista degli incidenti, ma l'augurio è che il messaggio in essi contenuto possa essere raccolto e messo in pratica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento