Venerdì, 24 Settembre 2021
Green Ugento

Nuova scoperta: Caretta caretta, salgono a sei le nidificazioni nel Salento

All'alba l'avvistamento a Torre San Giovanni dei Seaturtle Watcher che hanno avvisato il Centro di recupero tartarughe marine di Calimera. Sito messo in sicurezza

TORRE SAN GIOVANNI – Alla ricerca di un buon luogo dove deporre le uova, un esemplare di Caretta caretta ha anche ribaltato un lettino del lido Bora Bora di Torre San Giovanni, frazione marittima di Ugento. È stato uno dei segni più evidenti del suo passaggio, avvenuto nella notte. E, con la scoperta verificatasi all’alba, salgono a sei i nidi in provincia di Lecce. 

Traccia lasciata dalla femmina dopo la deposizione-2

L'avvistamento è stato fatto alle 6,15 circa da Simone Potenza, responsabile per lo Ionio dei Seaturtle Watcher, insieme con Chiara Sarcinella, durante un monitoraggio delle spiagge di Torre San Giovanni. I due hanno iniziato a seguire tracce sulla sabbia che indicavano il probabile passaggio di una tartaruga marina e sono arrivati nel tratto in concessone dello stabilimento. Dopo la segnalazione, gli operatori del Centro di recupero tartarughe marine di Calimera, previ accordi con la Capitaneria di porto di Gallipoli, sono accorsi per procedere alla verifica della presenza effettiva delle uova e per mettere il sito in sicurezza. 

Nido con i volontari-2

Il proprietario del lido, Giancarlo Lucrezio, si è detto particolarmente felice che la tartaruga abbia scelto il suo stabilimento come luogo per deporre le proprie uova e si è mostrato pronto a fare tutto ciò sia necessario affinché la nidificazione vada a buon fine. Gli esperti contano molto sul coinvolgimento delle strutture della costa per le attività di monitoraggio, la tutela della tartaruga marina e la sensibilizzazione verso turisti e locali. L’attività dei volontari dei Seaturtle Watcher è sempre più di fondamentale importanza per consentire al Centro di recupero tartarughe Marine di individuare i nidi e garantire il successo nelle nascite.

Seaturtle Watcher, il documentario

A tale proposito, in serata, promossa dal Museo di storia naturale del Salento, in anteprima avverrà la proiezione del documentario sull’attività svolta nel 2020 dai Seaturtle Watcher, realizzato da Andrea Fiorito e prodotto da Zima Film.

L’evento si terrà presso la sede del Museo, sulla Strada Provinciale Calimera-Borgagne (chilometro 1) a partire dalle 20,30. L’ingresso è a capienza ridotta, per cui occorre prenotare confermando la propria presenza il prima possibile, chiamando o scrivendo un messaggio Whatsapp al 3791511191 (Andrea), indicando nome e cognome di ciascun partecipante. Necessaria, ovviamente, la mascherina. 

La visione del documentario avverrà in un ambiente dedicato e sarà gratuita ma i percorsi museali saranno aperti durante la serata e, per chi volesse, visitarli, potrà acquistare il biglietto a 10 euro direttamente presso la reception. Sarà possibile entrare nel parco faunistico del Museo, incluso nel biglietto d’ingresso, interamente al buio, per cui si consiglia di venire forniti di piccola torcia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova scoperta: Caretta caretta, salgono a sei le nidificazioni nel Salento

LeccePrima è in caricamento