rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Lavoro

Bonus 200 euro nello stipendio di giugno: ecco chi potrà riceverlo

Aggiornamento riguardante il bonus "una tantum" previsto dal Governo, in sostegno a lavoratori e famiglie

LECCE - In un altro articolo si è parlato delle novità riguardanti il bonus 200 euro, che il Governo erogherà in virtù del carovita. 

Un aumento dei prezzi in ogni settore dell'economia, che ha messo in ginocchio famiglie e lavoratori, svantaggiando chi già era in difficoltà.

Le massime istituzioni nazionali hanno pensato di aiutare i nuclei interessati e i singoli individui, distribuendo loro una somma di 200 euro. Diverse sono le modalità di ricezione che interessano i soggetti in base al loro stato occupazionale. La linea generale rimane quella indicata precedentemente, ovvero: chi è provvisto di un "rapporto di lavoro consuetudinario", al quale si applica un Ccnl - che non prevede il pagamento posticipato della retribuzione -  a cui il datore di lavoro paga lo stipendio entro la fine del mese, i 200 euro li vedrà nella retribuzione di luglio; lo stesso discorso nel caso in cui l’azienda accredita le retribuzioni nei primi giorni del mese successivo a quello di competenza.

Le cose cambiano qualora il lavoratore sia impegnato in un part time ciclico, ovvero il regime di prestazione organizzato in modo verticale, per il quale la persona svolge la prestazione solo in alcuni giorni, settimane, mesi o periodi dell’anno.

In questo caso il bonus 200 euro sarà inserito nel cedolino di paga di giugno, anche se la retribuzione viene pagata il mese dopo. La condizione necessaria particolarmente rilevante  è comunque che il rapporto di lavoro sussista anche nel mese di luglio 2022. 

Nell'evenienza in cui - però - l’azienda applichi un contratto collettivo che prevede lo slittamento della corresponsione degli emolumenti al mese seguente e il datore di lavoro sia solito pagare entro il giorno 5 del mese seguente, allora i 200 euro vanno nella busta paga che contiene la retribuzione del mese di giugno.

A tal proposito, l'ente previdenziale ha tenuto a specificare che l'erogazione del bonus dovrà avvenire a cura dei datori di lavoro anche in caso di azzeramento della busta paga legata alla sospensione del rapporto di lavoro per effetto dell’intervento di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto - Cigo, Cigs, Fis o fondi di solidarietà, Cisoa o congedi.

Questo è quanto definito dall’Inps e dal Ministero del lavoro nel messaggio 2505/2022 diffuso nella giornata di ieri, martedì 21 giugno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus 200 euro nello stipendio di giugno: ecco chi potrà riceverlo

LeccePrima è in caricamento