"Natale in crociera", un onesto cine-panettone

Aurelio De Laurentis e il regista Neri Parenti ci servono in tavola, anche per questa stagione, il loro "cinepanettone" delle feste: "Natale in crociera". La tradizione continua

crociera
"Natale in crociera"
Regia di Neri Parenti. Con Christian De sica, Fabio De Luigi, Nancy Brilli, Michelle Hunziker, Aida Yespica, Alessandro Siani.
Genere: commedia
Durata 106'
Produzione Italia 2007

Aurelio De Laurentis e il regista Neri Parenti ci servono in tavola, anche per questa stagione, il loro "cinepanettone" delle feste: "Natale in crociera". La tradizione continua e il prossimo anno il prodotto natalizio festeggerà i suoi primi cinque lustri. Dopo tante mete vacanziere, da Cortina ad Aspen, dal Nilo a New York, questo Natale si salpa (con la sponsorizzazione di una nota linea di navi da crociera) per i Caraibi. La struttura è sempre la stessa, a episodi paralleli. In una situazione, l'immancabile istrione Christian De Sica, con non poca fatica, si divide tra moglie (Nancy Brilli) e bellissima amante (Aida Yespica), con il cognato (Alessandro Siani), in piena crisi depressiva, che lo intralcerà durante i suoi pasticci amorosi. Nella seconda situazione, Michelle Hunziker e Fabio De Luigi (di nuovo insieme dopo la serie televisiva "Love bugs"), tra baruffe e disastri, si scontreranno durante tutta la durata del film per, alla fine, fare la pace.

La nave di Neri Parenti è una sorta di "Love boat", in cui gli attori si incrociano per il divertimento del variegato pubblico che anche questo Natale, come ormai da ventiquattro anni, è accorso numeroso. Questo genere di pellicola è, per la maggior parte degli italiani, come il panettone sulle loro tavole, cioè una tradizione. Può essere di gradimento o meno, ma non può mancare. Se non tutto è perfetto in questo film (in sala a volte domina una sensazione di déejàvu, le gag non sempre sono originali e gli attori non tutti all'altezza), questo non è certamente un peccato. "Natale in crociera", come tutti gli altri Natale altrove, non ha alcuna pretesa di perfezione, non si prende sul serio e non vuole essere preso sul serio, suo unico scopo è strappare una risata, concedere al pubblico il lusso di lasciare i cattivi pensieri fuori dalla sala, almeno per una sera.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da sempre etichettato come "nazionalpopolare", tale genere di film è il fumo negli occhi per la maggior parte della critica purista che non riesce a comprendere che non è questo il cinema che nuoce al cinema."Natale in crociera" è un prodotto onesto, non ci sono inganni e si presenta per quello che è: un colorato contenitore di bellissime donne, pubblicità, stereotipi italioti e simpatica trivialità. E allora, almeno per una volta a Natale, in nome del rispettabile divertimento leggero, relax, pop corn e buona visione a tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento