La segnalazione: le acque cristalline di San Foca violentate dai liquami

MELENDUGNO - Il 25 agosto le acque cristalline di San Foca, già premiata con le Bandiere Blu, sono state interessate da un fenomeno alquanto sgradevole. Sono comparse a pochi metri dalla battigia delle scie di liquami 'trattati' chimicamente oggetto o di lavaggio di qualche yacht che si e' fermato per due tre giorni davanti alla costa o da qualche sciagurato camperista, non credo ad un cattivo funzionamento di impianti di trattamento dei reflui di San Cataldo o altro, perche' il fenomeno pur nella sua sgradevolezza interessava alcune decine di metri della battigia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La segnalazione è del signor Filippo Montinari che aggiunge: "Mi chiedo come mai, così come viene richiesto per 'altre attività', le autorita' preposte ai controlli non impongano e non chiedano sia ai camperisti che ai natanti le c.d. 'bolle di conferimento' dei rifiuti organici che trattati chimicamente o no 'rifiuti' sono.Voglio con questa mia, al quale allego le foto del fenomeno, 'sensibilizzare' tutti al 'rispetto della natura' che nel nostro Salento siamo tanto orgogliosi di preservare quanto più possibile"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Calimera: medico di base colpisce con calci e pugni un 87enne

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • Doppia tragedia: 70enne si lancia nel vuoto. Una donna cade durante le pulizie

  • Alla vista degli agenti, si “rifugia” in mare con la bici: multa al ciclista nuotatore

  • Epidemia da Covid-19: cinque decessi in provincia di Lecce, 18 nuovi casi

Torna su
LeccePrima è in caricamento