Estate nuova, abitudini vecchie: con l’arrivo del caldo torna il caffè salentino

Nato da un’intuizione di Antonio Quarta, il caffè in ghiaccio combina fragranza e freschezza

Anche quest’anno finalmente è arrivata l’estate, portando con sé quell’insieme di abitudini e costumi a cui amiamo abbandonarci durante la stagione calda.

In Salento, per esempio, non c’è estate senza il caffè salentino o caffè in ghiaccio. Ecco perché i tantissimi italiani che quest’anno passeranno le proprie vacanze estive sulle spiagge della Puglia meridionale non potranno non provare questa specialità locale, nata da un’intuizione di Antonio Quarta, nonno dell’omonimo attuale presidente della torrefazione pugliese Quarta Caffè.

Attenzione: si tratta di caffè in ghiaccio e non di caffè freddo!  La ricetta è molto semplice: si prepara il caffè normalmente a casa con la moka o al bar con la macchina espresso, lo si zucchera ed infine lo si versa velocemente in un bicchiere pieno di cubetti di ghiaccio.

Una soluzione semplice e ingegnosa –  capace di combinare il sapore fragrante e forte del caffè con il piacere rinfrescante e dissetante del ghiaccio – a cui nessuno aveva pensato prima di Antonio Quarta e che ben presto si diffuse in tutta Lecce e nella provincia, diventando una vera tipicità salentina, un marchio di fabbrica della regione.

Un'altra variante ha visto l'introduzione nel caffè in ghiaccio del latte di mandorla al posto delle zucchero, rendendolo bevanda gradita dai consumatori specialmente durante la colazione.

Da quel giorno in cui Antonio Quarta inventò il caffè in ghiaccio è passato tanto tempo e tante cose sono cambiate, in primis Quarta Caffè: da piccola torrefazione locale, la realtà salentina è diventata una grande azienda, local leader del settore e capace di spingere le vendite oltre il confine regionale prima, poi nazionale, ed ora internazionale grazie all'e-commerce aziendale

Quel che non è mutato, invece, è l’attenzione al prodotto, la qualità, la competenza e passione per l’attività della torrefazione; valori che Quarta Caffè, tramanda di generazione in generazione, giunti intatti fino ai giorni nostri.

Da un lato infatti la filiera, alimentata da un rapido turn over tra produzione e distribuzione, permette al caffè dell’azienda di giungere nella tazzina fresco, fragrante e profumato, dall’altro la sintesi di innovazione e rispetto della tradizione permette a Quarta Caffè di stare al passo con i tempi senza dover tradire la propria identità.

E per rispondere in modo adeguato all’altissima domanda di caffè – il cui consumo si impenna nei mesi caldi, specialmente in Salento, meta vacanziera più scelta quest’anno dagli italiani – Quarta Caffè non si ferma: la torrefazione pugliese come ogni anno rimarrà aperta per tutto il mese d’agosto.

Per tutti i visitatori in procinto di muoversi verso la il sud della Puglia, non c’è nulla da temere: grazie a Quarta ci sarà caffè per tutti.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Muore a 73 anni, i familiari: “Non è stato il Covid-19, ma la mancanza di cure adeguate”

  • Difendere un assassino, l’avvocato di De Marco: “Non siamo dei mostri”

  • Salento da zona gialla: 81 nuovi casi ogni 100mila abitanti

  • Cade da una scala mentre lava una vetrata, muore dopo giorni di agonia

Torna su
LeccePrima è in caricamento