Domenica, 13 Giugno 2021
Politica

A difesa della verità

"Mai nessuno negli anni passati si è permesso di attaccare la stampa che racconta ovviamente la vita della città compresa quella politica"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Mai nessuno negli anni passati si è permesso di attaccare la stampa che racconta ovviamente la vita della città compresa quella politica, così come mai nessuno ha risposto, a chi rilevava inefficienze della Amministrazione locale, che la responsabilità era del singolo dipendente comunale o responsabile di settore della macchina amministrativa.

Minare alla base la democrazia cercando di "imbavagliare" la stampa locale con attacchi gratuiti che nulla hanno a che vedere con la realtà delle cose, (si pensi all'attacco al Tacco d'Italia, che aveva pubblicato la notizia relativa all'ordinanza della C.D.C., attraverso manifesti recanti il logo del Comune di Casarano o si pensi alle ripetute frecciate indirizzate al Nuovo Quotidiano di Puglia che ha svelato l'enorme ritardo che il sindaco ha avuto nel mettere in esecuzione una sentenza in danno dei suoi congiunti e favorevole al Comune di Casarano), caricare di responsabilità l'ex dirigente dell'ufficio pianificazione del territorio, lavori pubblici e patrimonio per non aver regolamentato la concessione di palazzi pubblici "frettolosamente", messi a disposizione di consiglieri comunali di maggioranza in assenza di regole, è da vigliacchi.

Come è da vigliacchi "rovesciare" accuse sulla ex responsabile dell'ufficio ragioneria , più volte e proprio dal Sindaco, incensata per l'apporto dato alla stesura del Piano di Riequilibrio.

Scaricare sul responsabile al patrimonio l'infausta decisione di "cacciare " l'associazione "Amici del Presepe" da palazzo De Judicibus, attribuire allo stesso ufficio la responsabilità del ritardo nella realizzazione del centro di raccolta di rifiuti da realizzare in contrada "Memmi" voluto dalla precedente amministrazione e dall'ex ATO 3 (centro di raccolta che consentirebbe di partire con la promozione della differenziata, come previsto dal disciplinare proposto dalle minoranze che prevede ingenti risparmi sulla t.a.r.i. per chi differenzia), sono cosa di uno squallore tale da far comprendere che negare sempre la propria responsabilità è l'unica attività in cui riescono bene i "nostri" amministratori .

Quando qualcuno scrive il falso sulla stampa si risponde nel merito, provando il vero, non accusando il cronista al solo fine di evitare di parlare delle verità scritte, è lapalissiano,infatti, che, se il sistema di allarme dell'edificio scolastico di via IV novembre non "scatta" all'ingresso dei vandali che per lungo tempo stazionano all'interno svuotando gli estintori negli ambienti scolastici, è un sistema di allarme che, nella.migliore delle ipotesi, FUNZIONA MALE , esattamente quanto scritto dalla stampa.

Quando un Ufficio non funziona a regime la responsabilità è dell'amministratore, dello stesso amministratore che al momento opportuno si prende i meriti del celere e corretto andamento della macchina amministrativa quando questa riesce ad evadere celermente le pratiche e i risultati per l'Ente Pubblico vengono raggiunti.

In nessun'altra realtà amministrativa si è mai assistito ad un simile teatrino, ma il cittadino comprende che l'era dello scarica barili è finita, che chi governa da tre anni ha sbagliato tutto ; a partire dai conti, a partire dal piano di riequilibrio, primo (e quasi unico) obiettivo sbandierato da questa amministrazione che, commettendo l'errore maggiore, ha portato Casarano al dissesto.

Le minoranze in Consiglio Comunale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LeccePrima è in caricamento