rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
A breve presentazione del programma

Poli Bortone a San Lazzaro e al campo Coni: “Prima s’incatenavano agli alberi, ora li abbattono”

La candidata del centrodestra critica sugli interventi sul verde pubblico e il taglio dei pini pericolosi e rammenta il caso della riqualificazione del viale dell’Università: “Allora esponenti della sinistra si sono incatenati per protesta”

LECCE - Mentre sul versante del centrosinistra il sindaco uscente Carlo Salvemini annuncia il suo viaggio tra i quartieri per fidelizzare il senso di “appartenenza” dei leccesi, la candidata del centrodestra Adriana Poli Bortone nella giornata odierna è stata impegnata in un incontro con i cittadini del quartiere San Lazzaro e in un "salto" al campo sportivo Coni-Santa Rosa, per raccogliere segnalazioni e proposte.

Marciapiedi rotti, incroci pericolosi (soprattutto quello tra via Regina Elena e via Catalani) e altre defaillance sarebbero state segnalate da quanti vivono e lavorano a San Lazzaro,  quartiere residenziale a due passi dal centro, che mostrerebbe preoccupanti segnali di trascuratezza secondo le indicazioni raccolte dal sopralluogo elettorale di Adriana Poli Bortone.

"I commercianti si lamentano tantissimo per la nuova sistemazione della piazzetta che esteticamente può anche essere carina, però ha avuto e continua ad avere un impatto devastante per il commercio” segnala la senatrice, “sembra che in questa città, al centro come in periferia, ci sia stato un accanimento contro i commercianti da parte dell'amministrazione”.

Dall'altra parte, i residenti avrebbero lamentato, a più voci, una sorta di “strage” di alberi. Da qualche settimana, infatti, sono stati avviati gli interventi per tagliare i pini ritenuti pericolosi, praticamente la stragrande maggioranza degli alberi presenti nella zona che l'hanno caratterizzata da sempre.

"Voglio ricordare che quando, venti anni fa, ero al governo della città ed abbiamo dovuto procedere all'abbattimento dei pini di viale dell'Università” puntualizza la candidata sindaco, “c'erano esponenti della sinistra  che si sono incatenati agli alberi, in segno di protesta. Qui non ho visto catene, ma ho visto che sono stati abbattuti, senza colpo ferire, tantissimi alberi. Mi auguro almeno che i tronchi vengano tagliati in maniera adeguata, perché nello stato in cui si vede ora, c'è il rischio di inciampare e soprattutto, spero che vengano messe a dimora nuove piante non così invasive come i pini e che vengano innaffiate, curate e potate a regola d'arte”.

E a questi fattori che peggiorerebbero la qualità della vita nel quartiere si aggiunge quella che ormai viene considerata una costante durante i tour della la candidata del centrodestra. “Ovvero la mancanza di ascolto da parte degli amministratori comunali” lamenta Adriana Poli Bortone, “e anche questo è un fattore determinante perché è il vero anello che congiunge chi amministra con la comunità.  E credo che i cittadini leccesi saranno felici di costruire insieme a me, a noi tutti, un programma che presenteremo alla cittadinanza nei prossimi giorni, non appena depositeremo le liste dei candidati per le elezioni di giugno. Un programma basato sulla partecipazione attiva di tutte le categorie di lavoratori e cittadini”.

Ulteriore tappa odierna è stata quella legata al sopralluogo al campo Coni, dove la candidata del centrodestra spiega di "aver trovato piste per l'atletica che non sono percorribili, reti dei campi da gioco sdrucite, pericoli di diverso tipo, addirittura fossi. L'area che, da diverso tempo, è stata ceduta dalla Scuola di Cavalleria è diventata piena di erbe alte come un campo di grano e vi si possono raccogliere i papaveri, ma per il resto non si può fare assolutamente nulla. La pulizia e la sistemazione comporteranno, per il Comune, un impegno economico molto ma molto importante, e bisognerà attivarsi per intercettare un finanziamento ad hoc".

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poli Bortone a San Lazzaro e al campo Coni: “Prima s’incatenavano agli alberi, ora li abbattono”

LeccePrima è in caricamento