Amico dell’ambiente: Matino e Parabita premiati per stop5g

Vincitorio: i sindaci Toma e Prete si sono opposti alle lobby del 5G

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Nei Comuni di Matino e Parabita il 5G non può entrarci. E per aver realizzato questa condizione i loro sindaci, rispettivamente, Giorgio Salvatore Toma e Stefano Prete, sono stati premiati personalmente da Giancarlo Vincitorio, referente regionale in Puglia dell’Alleanza Italiana Stop5G. Vincitorio è stato ricevuto a Palazzo di Città dal primo cittadino di Matino. Nell’incontro si è parlato dell’ordinanza sindacale che ha messo temporaneamente al sicuro i cittadini matinesi e l’ecosistema ambientale dai potenziali effetti della sperimentazione del 5G.

Come è noto, il 5G si basa su microonde a radiofrequenze più elevate dei precedenti standard tecnologici, anche dette onde millimetriche, che comportano due implicazioni principali: maggiore energia trasferita ai mezzi in cui le radiofrequenze vengono assorbite (in particolare i tessuti umani) e minore penetrazione nelle strutture solide, per cui vi è la necessita di un maggior numero di ripetitori (a parità di potenza) per garantire il servizio. Interessante anche l’incontro di Vincitorio nel Municipio di Parabita con il sindaco Stefano Prete. Condivisa la preoccupazione sul fatto che le radiofrequenze del 5G risultino ancora del tutto inesplorate, mancando qualsiasi studio preliminare sulla valutazione del rischio sanitario e per l’ecosistema derivabile da una massiccia, multipla e cumulativa installazione di troppe nuove antenne su suolo pugliese che, inevitabilmente, andranno a sommarsi a tante Stazioni Radio Base ancora operative per gli standard tecnologici di comunicazione senza fili 2G - 3G - 4G oltre a migliaia di ripetitori WiFi attivi.

I sindaci Toma e Prete hanno discusso con Vincitorio anche del cosiddetto Decreto Legge semplificazione (n. 76 del 16 luglio 2020) che all’art. 38 comma 6 stabilisce di escludere i Comuni dalla “possibilità di introdurre limitazioni alla localizzazione in aree generalizzate del territorio di stazioni radio base per reti di comunicazioni elettroniche di qualsiasi tipologia e, in ogni caso, di incidere, anche in via indiretta o mediante provvedimenti contingibili e urgenti, sui limiti di esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, sui valori di attenzione e sugli obiettivi di qualità, riservati allo Stato”.

“Questo – ha dichiarato Vincitorio – è incostituzionale. Ora c’è motivo in più per partecipare numerosi alla manifestazione nazionale Stop5G in programma il 12 settembre a Roma. Per i pugliesi stiamo organizzando pullman con partenza da Lecce, Brindisi e Bari. Occorre fare sentire forte il dissenso alla sperimentazione del 5G. Non è tollerabile che si tolga voce e potere ai sindaci che esprimono la volontà popolare, soprattutto su questo problema così importante del wifi di quinta generazione. La nostra battaglia – conclude Vincitorio - continuerà in piazza, come nel caso della manifestazione a Roma, ma anche nelle aule giudiziarie.”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento