Amministrative 2014: la carica degli aspiranti sindaci e consiglieri comunali

In 29 comuni al voto a fine maggio circa 80 candidati sindaci e un esercito di aspiranti politici, pronti a sedere nei palazzi di città: la sfida più attesa si gioca a Copertino, con cinque nomi in campo e il rischio ballottaggio

COPERTINO - Ventinove comuni al voto, settantotto candidati sindaci e un esercito di aspiranti consiglieri comunali (solo a Copertino, il centro più popoloso, sono 367): sono solo alcuni numeri della politica locale, che il prossimo 25 maggio, porterà il Salento alle urne per il rinnovo di numerose amministrazioni: Acquarica del Capo, Andrano, Bagnolo del Salento, Botrugno, Campi Salentina, Carpignano Salentino, Castrì di Lecce, Copertino, Corsano, Cursi, Giuggianello, Lequile, Martignano, Miggiano, Minervino di Lecce, Morciano di Leuca, Muro Leccese, Palmariggi, Presicce, Sanarica, Seclì, Soleto, Specchia, Sternatia, Supersano, Surano, Tiggiano, Tuglie e Zollino.

Una prima nota di colore è che diversi sindaci uscenti, o per scelta personale o per volontà degli schieramenti che li avevano eletti, non sono più candidati e non concorreranno per tentare il secondo mandato (Giuseppe Rosafio, Mauro Leucci, Gabriella Cretì, Pantaleo Conte, Roberto Palasciano, Roberto Isola). Dodici le donne candidate sindaco, che rispetto al totale rappresentano il 15%.

Come detto, la sfida più attesa è quella che si gioca a Copertino, dove sono in campo cinque candidati: Anna Inguscio (Pd, Passione democratica, Udc, Copertino Democratica, Ncd, Libero cittadino), l'assessore provinciale uscente Pierluigi Pando (Forza Italia, Regione Salento, Lista Pando Sindaco e la Puglia prima di tutto), Sandrina Schito (Sel, AlbaNuova, CopertinoBeneComune, Futuro Quotidiano, Sinistra Unita, Partecipazione democratica, VivaCittà), Vincenzo De Giorgi (Onda d’urto, Fratelli d’Italia-An, Noi per Voi, Generazione Nuova, Il Coraggio di Cambiare), Alessandro Trono (Movimento5Stelle).

Ad Acquarica del Capo il sindaco uscente, Francesco Ferraro, se la vedrà con Bruno Ricchiuto. Ad Andrano, quattro i candidati: Cesira Guida, Mario Accoto, Domenico Balestra e Fabio Accogli. A Bagnolo del Salento sarà ancora Sonia Mariano, sindaco uscente, a contendersi la riconferma contro Gaetano Giovanni Leone, primo cittadino negli ’80 e ’90. A Botrugno, Simona Schiattino se la vedrà con Pasquale Barone, che conta sull'assessore provinciale, Silvano Macculi.

A Campi Salentina, dopo la fine dell'amministrazione Palasciano, in campo due ex sindaci con opposti schieramenti politici: Massimo Como sfida Egidio Zacheo. A Carpignano, dopo il passo indietro del sindaco uscente, Roberto Isola, sarà scontro a due tra Paolo Fiorillo e Mario Bruno Caputo. Tre liste in lizza a Castrì di Lecce: Andrea De Pascali per "Castrì cresce", Antonio Luigi Buttazzo con "Per il progresso di Castrì" e Carlo Durante con "Libertà e partecipazione". A Corsano, si sfidano Biagio Cazzato, Corrado Russo, Biagio Martella e Luigi Russo.

A Cursi, dopo la chiusura dell'amministrazione di Edoardo Santoro, candidatosi di recente alla segreteria provinciale del Pd con la mozione Renzi, e le scorse elezioni dove si era vista la presenza di ben cinque liste, situazione più nella norma con una sfida a due tra Luigi Chilla e Antonio Melcore. A Giuggianello, si ripete la sfida del 2009 con il sindaco Giuseppe Pesino contro il capogruppo di opposizione, Giuseppe Gennaccari.

A Lequile, tre liste in campo: "Linea retta" a sostegno di Vincenzo Carlà, "Impegno e Solidarietà" con Antonio Caiaffa e "Partito Democratico" con Maurizio Colucci. A Martignano, dopo il decennio di Luigino Sergio, sarà scontro a due tra Luciano Aprile e Luigi Giannuzzi.

A Miggiano si ripete la sfida del 2009, con il capogruppo di opposizione, Maurizio Cafiero, contrapposto al sindaco uscente Giovanni Damiano. A Minervino di Lecce per il dopo Caroppo, quattro gli schieramenti in campo: Fausto De Giuseppe, già capogruppo di opposizione, guida “La svolta”, arruolando il consigliere regionale Andrea Caroppo; l'avvocato Angelo Guglielmo è a capo de “La Locomotiva”; terzo candidato l’architetto Giorgio Bandello con la civica “Le Messi”, dove è presente l’assessore uscente Fredy Cursano. E, infine, la lista che fa riferimento all'amministrazione uscente, “Voliamo Oltre” vede il candidato sindaco l'assessore Giuseppe Foscarini.

A Morciano di Leuca, confronto a tre tra Luca Durante, Giuseppe Negro ed Antonio Renzo. A Muro Leccese, non si ricandida il sindaco uscente Gabriella Cretì, ma in campo ci sono quattro aspiranti sindaci: l'ex assessore Xenia Maggiulli con la civica vicina al centrodestra “Muro.liber@città”, Antonio Donno, consigliere di minoranza, sostenuto da una lista di centro, Bruno Tunno con “Lista Civica Vivere Muro” e Sergio Pedio, con una civica di centrosinistra.

A Palmariggi, il sindaco uscente, Anna Elisa Stifani, avrà come sfidante Franco Zezza. A Presicce, quattro candidati: Anacleto Tamborrini, Riccardo Monsellato, Andrea Orlando e Martino De Giorgi.

A Sanarica, Salvatore Rametta sfida il sindaco uscente, Vittorio Aprile.  A Seclì tre candidati: Anacleto Epifani, Antonio Casarano e Sonia Giaffreda. A Soleto, sfida a quattro tra Serena Fiorentino, Graziano Vantaggiato, Teresa Cagnazzo e Maurizio Luchena per il dopo Elio Serra. Quattro candidati a Specchia: Rocco Pagliara, Vincenzo Scarcia, Gianluca Rizzo e Carolina Giorno. A Sternatia, torna candidato l'ex sindaco Massimo Manera, presidente della Fondazione Notte della Taranta, contro Giuliano Villani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Supersano, Bruno Corrado e Lucia Brocca sfidano il sindaco uscente Roberto De Vitis. Nel piccolo comune di Tiggiano, Massimo Nuccio se la vedrà col sindaco uscente Ippazio Morciano. A Tuglie, sfida a due tra Antonio Vincenti e il centrodestra di Massimo Stamerra, che schiera anche il presidente della provincia, Antonio Gabellone. A Zollino è sfida tra Antonio Chiga e Carlo Catalano, dopo la fine dell'esperienza da sindaco di Francesco Pellegrino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento