rotate-mobile
Si vota l'8 e il 9 giugno

Amministrative 2024: Salvemini lancia la prima campagna di comunicazione

Il sindaco uscente propone attraverso l’affissione dei manifesti alcuni temi prioritari nella sua agenda: spazi pubblici, mobilità leggera, ma anche la festa patronale. Intanto il centrodestra non ha ancora ufficializzato la propria candidatura

LECCE – Il sindaco uscente, Carlo Salvemini ha lanciato la sua prima campagna di comunicazione direttamente collegata alla scadenza elettorale di giugno quando i cittadini leccesi saranno chiamati a rinnovare il consiglio comunale, a partire dalla scelta del primo cittadino. 

Da poche ore sono stati, infatti, affissi in città, manifesti con lo slogan “Avanti” che compare su un’immagine di alcuni contesti urbani: parchi, percorsi ciclopedonali, biblioteche e piazze. È online anche un sito dedicato - www.salvemini2024.it -  che offre, in apertura, la cassa armonica allestita in piazza Sant’Oronzo in occasione della festa dei santi patroni: “Devozione, musica, decoro: è tornata la festa dell’orgoglio leccese”, questa la scritta che accompagna la fotografia.

Lo stesso Salvemini ha scritto un breve post per comunicare l'avvio della fase che porterà la città al rinnovo del consiglio comunale, tra meno di quattro mesi: “Ho ricevuto dai leccesi un mandato chiaro: lavorare uniti per una città più giusta, più sostenibile, ancora più bella. È quello che abbiamo iniziato a fare in questi anni e c’è un solo modo per continuare: andare Avanti”. Intanto, le forze politiche e i movimenti che compongono lo schieramento civico e progressista, sono già da tempo impegnate nella composizione delle liste a sostegno di Salvemini.

A giorni, e comunque entro la prossima settimana, si attende la definizione della candidatura del centrodestra. È vero che da mesi si annuncia come imminente la chiusura della partita, ma è anche iinegabile che ogni giorno che passa invano diventa un atto di masochismo politico per una coalizione che ancora non ha trovato la quadra.

In pole position pare trovarsi Adriana Poli Bortone, ma fino a questo momento Paolo Pagliaro non ha mollato la presa. La scelta sembra oramai tra loro due, mentre l'ipotesi che portava a Ugo Lisi è considerata oramai la meno percorribile. La composizione dello scenario leccese continua, del resto, a essere collegata a quello barese, in ragione della ripartizione delle candidature tra i principali partiti della coalizione (Fratelli d'Italia e Lega). I due nodi saranno sciolti contestualmente.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministrative 2024: Salvemini lancia la prima campagna di comunicazione

LeccePrima è in caricamento