rotate-mobile
Politica

"Amministrazione Rosafio non ha colpe sull'assenza di rete fognaria"

Il consigliere comunale del Pdl, Mauro Valentino, in una nota ufficiale, replica a Laura Alemanno, e difende le ragioni dell'amministrazione di Copertino, spiegando quanto fatto in merito alle criticità sollevate da AlbaNuova

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Le preoccupazioni recentemente sollevate dalla collega consigliera comunale Laura Alemanno del gruppo Alba Nuova circa l'assenza della rete fognaria in interi quartieri ad altissima densità abitativa del nostro paese meritano certamente attenzione ma allo stesso tempo un'adeguata riflessione oggettiva dei fatti in questione.

L'assenza dei tronconi principali in alcune strade del centro, via Amatore Scesa, Via Damiano Chiesa, via Confalonieri, via Pellico ecc non è certamente ascrivibile all'attuale amministrazione (le opere in quella zona furono realizzate tra la fine degli anni 80 e la fine degli anni 90). Anche io mi chiedo, e tutti sanno quanto mi sono speso negli anni ed ancora mi spendo per risolvere questo annoso problema, il motivo per cui tutte le vie di quel comparto abitativo furono servite di impianto fognario escludendo paradossalmente quelle enunciate in precedenza! Perché?

Perché per tanti anni quelle vie sono state sistematicamente inserite nel piano triennale delle opere pubbliche per poi essere puntualmente stralciate a fine anno? Viene da pensare che l'approssimazione con cui certi interventi sono stati realizzati siano riconducibili quantomeno ad una mancata programmazione e pianificazione da parte degli amministratori dell'epoca. E' irritante poi constatare che ciò che non è stato realizzato all'epoca oggi costerebbe quattro volte tanto per via dell'incrementato costo delle materie prime e della realizzazione degli stessi lavori pubblici.

Questi sono i risultati di una consolidata mala politica che lungamente ha mortificato la nostra Copertino ed i suoi cittadini. L'Amministrazione Rosafio, che nulla ha a che fare con questi orrori amministrativi, ha fatto già da tempo quello che le competeva: ha presentato una richiesta di finanziamento presso la Regione Puglia, nel corso dell'anno 2011, per il progetto di completamento ed ampliamento della rete fognaria e idrica che ammonta a circa 4 milioni di euro.

E' evidente che il passo successivo spetta alla Regione. Altra mancanza di programmazione è rappresentata dal mai pervenuto piano di riorganizzazione della pianta organica dell'ente. Nel 1987 il Comune di Copertino contava 250 dipendenti, oggi ne conta 80 ed entro il 2014, causa pensionamenti e scarse risorse determinate dai sempre maggiori tagli ai Comuni, saranno una sessantina. Anche questa sarà una colpa dell'attuale Amministrazione o è da imputare, già da oggi, a chi per tempo non ha saputo programmare? Può una comunità di 25 mila abitanti essere servita da sole 60 unità? La pianta organica rappresenta l'architrave di un ente comunale, la sua ossatura!

Le risposte che la politica deve quotidianamente corrispondere alla comunità locale sono strettamente collegate alla buona salute dell'organigramma comunale! L'implementamento di essa è reso oggi ancor più difficile a causa della congiuntura economica che colpisce il comparto dei comuni privandoli di risorse per la crescita! Nel 2012 il comune di Copertino dovrà far a meno di un ulteriore milione di euro di mancati trasferimenti erariali. Questa e le future amministrazioni dunque dovranno confrontarsi con tali gravi problematiche, per cui invito ad una più realistica lettura dei fatti amministrativi prescindendo dalle più semplici ma sempre gustose speculazioni politiche.

*Mauro Valentino

Consigliere comunale pdl

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Amministrazione Rosafio non ha colpe sull'assenza di rete fognaria"

LeccePrima è in caricamento