Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Animali feriti e vittima di incidenti, necessari l'assistenza anche il pomeriggio

L'assessore Andrea Guido ha chiesto che il servizio veterinario dell'Asl si attivo nei giorni feriali anche dalle 14 alle 19

LECCE – Lo scorso 4 ottobre, l’associazione Guardia per l’ambiente, con l’assessorato alle Politiche ambientali, facendo seguito a precedenti note a firma dello stesso Andrea Guido, ha chiesto al servizio veterinario della Asl di onorare l’obbligo di soccorrere gli animali incidentati anche nella fascia oraria pomeridiana compresa tra le 14 e le 19. La reperibilità del personale del servizio leccese, infatti, non copre la fascia oraria nei giorni feriali. Nessun soccorso, quindi, per cani, gatti o altri animali selvatici se l’incidente o il ritrovamento avviene dalle 14 alle 19 del pomeriggio, dal lunedì al venerdì. Una situazione non conciliabile con le esigenze della città, secondo Andrea Guido, per cui si tratta di un servizio pubblico importante che è necessario per garantire effettivamente il benessere degli animali, soprattutto di quelli regolarmente vaganti.

“La sensibilità dei leccesi nei confronti di questioni come questa – dichiara Andrea Guido – è cresciuta enormemente negli ultimi tempi. Questo anche per l’egregio lavoro di sensibilizzazione messo in atto dalle associazioni animaliste e zoofile operanti in città e seguite con attenzione dagli uffici dello stesso assessorato all’Ambiente”.

“Per questo motivo  - spiega l’assessore – la direzione dell’ente regionale non può continuare a ignorare la richiesta. Più volte, nel corso di incontri ufficiali presso la mia sede o presso quella della direzione generale leccese, abbiamo fatto presente questa carenza, inoltrando anche missive ad hoc e coinvolgendo prefettura e procura, ma senza nessun risultato. Ritengo sia giusto insistere per risolvere questa piccola questione che minaccia la regolarità e l’efficienza di servizi importanti come il soccorso, anche in caso di incidenti stradali. Continueremo a scrivere e a far sentire la nostra voce fino a che non otterremo il risultato”.

La circolare del ministero della Salute del 4 agosto 2010 sostiene l’inderogabile necessità di assicurare il servizio di reperibilità e pronti soccorso per animali da parte degli enti competenti, nella fattispecie le Asl, rafforzando quanto già avevano previsto le nuove norme del codice della Strada in materia di obbligatorietà del soccorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Animali feriti e vittima di incidenti, necessari l'assistenza anche il pomeriggio

LeccePrima è in caricamento