Politica

Via libera alle mozioni della minoranza. Salvemini: "Bene, ora i fatti"

Approvate le quattro proposte del consigliere progressista. Passa anche l'istituzione delle "case avanzate" per i ciclisti, come chiesto da Antonio Rotundo

LECCE – Alcuni consigli comunali meritano di essere ricordati, soprattutto se si è consiglieri di opposizione e si assiste all’approvazione delle proprie mozioni.

Spesso, infatti, nemmeno le proposte più lungimiranti ricevono i voti necessari, per puro spirito di parte. D’altra parte quando in maggioranza ci sono segnali di insofferenza allora è possibile che si sostenga una richiesta della minoranza per mandare un segnale al governo cittadino.

Di certo queste ultime settimane fanno registrare più di qualche malumore successivo al rimpasto voluto dal sindaco, Paolo Perrone, ma quanto è avvenuto ieri esula da questa lettura anche perché è stato lo stesso primo cittadino ad esprimere la sua approvazione.

Così le quattro mozioni illustrate dal consigliere Carlo Salvemini,  promotore di Lecce Città Pubblica e formalmente appartenente al gruppo misto, sono passate praticamente all’unanimità. La prima riguarda la necessità di reperire un immobile da adibire a case delle associazioni: spesso infatti la disponibilità di spazi pubblici, e gratuiti, è ridotta al lumicino e in una città che manca sostanzialmente di veri centri di aggregazione è un problema ancora più avvertito.

La seconda rappresenta l’incipit per la redazione di un piano urbano della mobilità sostenibile coordinato al Piano urbanistico generale attualmente in fase di elaborazione. La terza riguarda la preparazione di un regolamento per “ricondurre all’interno di unico strumento le diverse tipologie di intervento volte alla promozione delle spettacolo, della cultura, dello sport, in modo da allargare il coinvolgimento delle realtà operanti sul territorio”. L’ultima infine è propedeutica alla redazione del piano, del censimento e del regolamento del verde urbano.

"Siamo naturalmente soddisfatti - ha commentato Salvemini - di aver raggiunto l’obiettivo di fare adottare provvedimenti contraddistinti da un’attenzione forte al tema della 'Città Pubblica'. Siamo naturalmente consapevoli che dopo l’approvazione è fondamentale verificare la traduzione degli indirizzi contenuti nelle delibere in provvedimenti di governo".

Nel corso della seduta sono state approvate anche altre mozioni: tra queste quella della consigliera di maggioranza Francesca Mariano, di Io Sud, per una moratoria della concessioni demaniali in attesa dell’approvazione del piano comunale delle coste. Via libera anche per le “case avanzate” per ciclisti, perorate da Antonio Rotundo del Pd: si tratta di linee di arresto, in prossimità degli incroci semaforizzati, ad uso esclusivo di chi va in bici che così dovrebbe essere tutelato da eventuali collisioni con le auto che svoltano. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via libera alle mozioni della minoranza. Salvemini: "Bene, ora i fatti"

LeccePrima è in caricamento