Politica

In bici in sicurezza dall'anfiteatro di Rudiae al parco di Belloluogo: ok al progetto

Via libera nella prima seduta della giunta Salvemini: il Comune partecipa all'avviso pubblico della Regione Puglia. Richiesto un milione e mezzo di euro

LECCE – Nella prima riunione dopo l’insediamento a Palazzo Carafa la nuova giunta comunale ha approvato, su proposta del sindaco, il progetto definitivo della rete ciclabile “Parco archeologico Rudiae – viale dell’Università – Parco di Belloluogo” nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia: la richiesta di finanziamento è di un milione e mezzo di euro.

Complessivamente il percorso avrà una lunghezza di otto chilometri: gli interventi previsti riguardano itinerari esistenti, altri in fase di realizzazione e altre ancora da fare ex novo.

“Ogni intervento sulla mobilità ha delle ricadute significative anche su altri aspetti della vita della comunità – dichiara il sindaco Salvemini  - Questo progetto ci consente di perseguire due obiettivi strettamente collegati: migliorare la mobilità ciclabile, intervenendo sui percorsi ciclabili già esistenti per migliorarne la funzionalità, unendo tra loro piste che oggi sono slegate e creando nuove ciclostrade da percorrere in sicurezza, e avvicinare Rudiae alla città, dando ai leccesi e ai turisti la possibilità di raggiungere quel luogo di straordinario valore archeologico e culturale in bicicletta. Se finanziato, l'intervento si concluderà nel 2018 e rappresenterà il primo tassello della valorizzazione di Rudiae, un sito che intendiamo rendere pienamente attivo, fruibile e  integrato nell'offerta culturale e turistica della città”.

La pista ciclabile tra l’area archeologica di Rudiae e il Parco di Belloluogo prevede un itinerario che parte dal sito dove sono in fase avanzata i lavori di recupero dell’anfiteatro – sono state già organizzate alcune visite turistiche e culturali – per svilupparsi su via Vecchia Copertino, dove sarà realizzata una pista per ciclisti che proseguirà su via San Pietro in Lama fino all’intersezione con viale Grassi. Quindi interesserà via Presta e via Marciano, il sottopasso di piazzale Rudiae (noto come ponte di Monteroni), viale Don Bosco, via Lombardia, viale Quarta (della stazione), viale Gallipoli in direzione di viale dell’Università e tutto quest’ultimo fino a via San Nicola, al termine del quale si accede al cimitero e al Parco di Belloluogo.

Inoltre la pista di via Gino Rizzo, tra viale Grassi e l’ospedale Vito Fazzi sarà estesa mentre ne verrà realizzata una in sede propria su via dei Ferrari, via Codacci Pisanelli nel tratto compreso tra via San Cesario e via dei Ferrari, via San Cesario nel tratto compreso tra via Codacci Pisanelli e via di Ussano, via di Ussano e piazzale della stazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In bici in sicurezza dall'anfiteatro di Rudiae al parco di Belloluogo: ok al progetto

LeccePrima è in caricamento