Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Aqp taglia l'acqua ai morosi, il sindaco interviene per una bimba malata

Succede in una palazzina del complesso Agave. Per il ripristino il sindaco Paolo Perrone ha chiesto ad Acquedotto pugliese di intervenire, considerata la particolare situazione di una famiglia. La società si è detta disponibile a tralasciare in via temporanea le situazioni di morosità

LECCE – Niente acqua in una palazzina del complesso Agave, alle porte di Lecce (lungo la provinciale secondaria per San Cataldo, la cosiddetta via di Fondone) e per il ripristino deve intervenire il sindaco Paolo Perrone. Il motivo è presto detto: in uno degli appartamenti in questione abita una famiglia con una bimba affetta da una patologia molto grave. Il problema dell’assenza di acqua corrente avrebbe rischiato di influire su una condizione già di per sé molto delicata.

E’ un dramma nel dramma, in una delle tante vicende di cui s’è discusso a lungo negli ultimi mesi. A Lecce e in provincia aumentano le situazioni di morosità e spesso a causa delle insolvenze di qualcuno ne fanno le spese in tanti. Lo stabile in questione sorge lungo via Alberione. Quando il sindaco ha ricevuto notizia dell'interruzione del servizio idrico, reso edotto della particolarità della vicenda, si è attivato presso Acquedotto pugliese per far ripristinare in tempi più che stretti l'utenza.

E’ chiaro che, alla luce dei problemi di natura igienico-sanitaria che l'assenza di acqua potrebbe provocare, il primo cittadino ha pregato i funzionari di Aqp di comprendere la situazione. La società, dal canto suo, si è detta disponibile a tralasciare in via temporanea le situazioni di morosità, evitando tutti i disagi che sarebbero convenuti alla bambina e alla sua famiglia. Di certo, una soluzione solo momentanea e che potrebbe quindi tornare a ripresentarsi.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aqp taglia l'acqua ai morosi, il sindaco interviene per una bimba malata

LeccePrima è in caricamento